Evacuati dall’acciaieria Azovstal 264 militari ucraini. Kiev: “Sono gli eroi del nostro tempo”. Mosca: “Saranno trattati in linea con le leggi internazionali”

La vice premier ucraina, Iryna Verescuk, ha riferito che all'interno dell'impianto di Azovstal non ci sono più civili.

Sono 264 i militari ucraini evacuati finora dall’acciaieria Azovstal dove si rifugiavano dall’inizio della guerra in Ucraina. I primi 12 autobus, con a bordo i soldati feriti, hanno lasciato nella notte Mariupol diretti nel Donetsk. Dei circa 600 che si erano nascosti all’interno dell’impianti siderurgico, una cinquantina sarebbero feriti.

Evacuati dall’acciaieria Azovstal 264 militari ucraini. Kiev: “Sono gli eroi del nostro tempo”. Mosca: “Saranno trattati in linea con le leggi internazionali”

“I difensori di Mariupol sono gli eroi del nostro tempo. Sono per sempre nella storia. Mentre tenevano posizioni su Azovstal, hanno impedito all’esercito russo di trasferire fino a 17 battaglioni tattici, circa 20.000 soldati in altre aree, e impedito la conquista rapida di Zaporizhzhia, l’accesso al confine amministrativo delle regioni di Donetsk e Zaporizhzhia” ha dichiarato lo Stato maggiore delle forze armate ucraine citato da Ukrinform.

Evacuazione Azovstal, Kiev: “I difensori di Mariupol sono gli eroi del nostro tempo”

“Continuiamo l’evacuazione, sono rimaste circa 2.000 persone. Non ci sono più civili” ha detto ad Agorà Extra la vice premier ucraina, Iryna Verescuk. Nelle ultime 24 ore, ha reso noto il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, “più di 250 militanti asserragliati nello stabilimento Azovstal di Mariupol hanno deposto le armi e si sono arresi”. “Ieri è iniziata la resa dei militanti dell’unità nazionalista Azov e dei militari ucraini bloccati nello stabilimento Azovstal di Mariupol. Nell’ultimo giorno, 265 militanti hanno deposto le armi e si sono arresi, di cui 51 gravemente feriti” ha detto il generale.

I combattenti dell’acciaieria Azovstal di Mariupol, ha affermato, invece, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, citato dalla Bbc, saranno trattati in linea con le “leggi internazionali”. Peskov ha rifiutato di commentare lo status delle truppe evacuate e non ha risposto alla domanda se i soldati ucraini saranno trattati come criminali di guerra o come prigionieri di guerra: “Il Presidente Putin ha garantito che saranno trattati in linea con le leggi internazionali in materia”, ha dichiarato senza fornire ulteriori dettagli sulla sorte delle truppe evacuate.

“I criminali nazisti non dovrebbero essere scambiati, ma processati. Si tratta di criminali di guerra, dovremmo fare di tutto per garantire che vengano processati” ha dichiarato il presidente della Duma russa, Vyacheslav Volodin.

“I difensori di Mariupol sono gli eroi del nostro tempo, sono per sempre nella storia”, ha affermato lo Stato maggiore ucraino su Facebook, spiegando che tra coloro che hanno lasciato lo stabilimento 53 militari gravemente feriti sono stati condotti in una struttura medica a Novoazovsk, mentre altri 211 difensori sono stati evacuati a Olenivka “attraverso un corridoio umanitario” per poi essere riportati “nel territorio controllato dall’Ucraina attraverso una procedura di scambio”.

La notizia dell’accordo per l’evacuazione dell’acciaieria di Azovstal era arrivata nel pomeriggio di ieri insieme alla decisione per un cessate il fuoco nell’area dell’impianto. In serata, poi, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, parlando dell’operazione in un videomessaggio, ha riferito che all’iniziativa partecipano l’esercito ucraino, le forze armate, l’intelligence, la squadra negoziale, il Comitato internazionale della Croce Rossa e le Nazioni Unite.

Zelensky: “L’Ucraina ha bisogno di eroi vivi, questo è il nostro principio”

“L’Ucraina ha bisogno di eroi vivi, questo è il nostro principio”, ha detto Zelensky. “Per riportare i ragazzi a casa, il lavoro continua e questo lavoro – ha evidenziato – ha bisogno di delicatezza e tempo. Manteniamo anche la massima attività diplomatica in altre aree nell’interesse dell’Ucraina”.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 17:05
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram