L’ex presidente dell’Anm Palamara è indagato per corruzione. L’inchiesta riguarda i rapporti con un noto lobbista e la partita per la nomina del nuovo procuratore della Capitale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il magistrato romano, già presidente dell’Anm, Luca Palamara, secondo quanto riferiscono oggi Repubblica e Corriere, è indagato a Perugia con l’ipotesi di reato di corruzione. La vicenda sarebbe legata a quella del lobbista Fabrizio Centofanti, ex capo delle relazioni istituzionali di Francesco Bellavista Caltagirone. L’inchiesta, affidata al pm Gemma Milani, è legata anche al rinnovo della carica di procuratore capo di Roma sul tavolo del Csm dopo l’addio di Giuseppe Pignatone.

“Apprendo dagli organi di stampa – afferma in una nota lo stesso magistrato – di essere indagato per un reato grave e infamante per la mia persona e per i ruoli da me ricoperti. Sto facendo chiedere alla Procura di Perugia di essere immediatamente interrogato perché voglio mettermi a disposizione per chiarire, nella sede competente a istruire i procedimenti, ogni questione che direttamente o indirettamente possa riguardare la mia persona”.

“Mai, e sottolineo mai, baratterei il mio lavoro e la mia professione per alcunché – aggiunge Palamara nella sua nota – e sono troppo rispettoso delle prerogative del Csm per permettermi di interferire sulle sue scelte e in particolare sulla scelta del procuratore di Roma e dei suoi aggiunti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA