Un altro pezzo di Italia in vendita. Lo storico hotel Excelsior di Roma finisce nelle mani di un gruppo del Qatar. Un affare da 222 milioni di euro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

 

di SERGIO PATTI

L’operazione bolliva in pentola da tempo, ma per molti motivi – tra cui il prezzo – non si chiudeva mai. Fino a ieri quando uno dei maggiori gruppi alberghieri del Qatar è riuscito ad aggiudicarsi lo storico Westin Excelsior di Roma, hotel di extralusso della centrale via Veneto. Per gli emirati non è una novità fare shopping in Italia, anche in questo settore. Rilevantissimo l’investimento fatto di recente a Milano, dove è stata acquistata l’area di Porta Nuova. per non parlare, sempre a Milano, della imponente ristrutturazione e del rilancio dello storico hotel Gallia, a due passi dalla stazioen centrale. Con l’ultima operazione appena annunciata nella Capitale, che vale 222 milioni, in totale il Qatar sta investendo circa un miliardo. Tornando a Roma, a firmare l’assegno per l’Excelsior è stato il colosso Katara Hospitality. E la spesa non è finita qui. Oltre ai soldi versati alla catena Starwood, il gruppo del Golfo dovrà infatti affrontare altri investimenti non indifferenti per rinnovare la struttura dell’Excelsior nei prossimi 5 anni. Nulla cambierà invece per quanto riguarda la gestione, che resterà alla Starwood. L’Excelsior diventa così una delle punte di diamante del già ricco carnet di hotel a cinque stelle in mano agli arabi. Fondato nel 1906, nelle sue 281 camere e 35 suite esclusive, l’albergo ha ospitato numerose celebrità, politici e artisti. “L’Italia è un mercato molto promettente – ha detto il presidente della Katara Ospitality, lo sceicco Shekh Nawaf Bin Jassim Al-Thani. E sull’Italia – ha promesso – il Qatar intende continuare a investire, come dimostrano le iniziative portate avanti negli ultimi tempi in Sicilia e Lombardia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA