Facebook assorbe sempre più traffico, annunci e ricavi web. Altro che democrazia della rete: solo in cinque società fagocitano il 61% del revenue su internet

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Facebook, Google, Microsoft, Yahoo, AOL: ecco i magnifici cinque del web, i mega-colossi del business digitale che, da soli, sono in grado di generare il 61% dei ricavi totali della rete. Un mercato,quello che scorre tra i canali della rete e che si esprime tramite il bit, in continua crescita e in grado di contare su un pubblico di riferimento che si fa sempre più ampio e interessato. Chiunque oggi dispone di una connessione internet, le compagnie tra cui scegliere sono molteplici, gli utenti usano internet per porre le tariffe ADSL del mercato a confronto e sono alla continua ricerca degli standard performativi migliori. I ricavi posti in essere dal world wide web sono enormi, ma si ripartiscono in maniera tutt’altro che equilibrata e uniforme. Sotto questo punto di vista, la democrazia della rete è mera illusione.

Facebook fagocita il mercato e cresce esponenzialmente

Secondo il Rapporto sullo stato dei media 2015 pubblicato dal Pew Research Center, Facebook da sola genera un decimo dell’intera quota di ricavi online, raddoppiando la propria influenza sui mercati digitali nel giro di un solo anno. Solo con la pubblicità, il giocattolino di Zuckerberg fattura 5 miliardi di dollari l’anno. Per non parlare degli annunci sulla rete, circa il 25% dei quali passa dal social network più diffuso del mondo; il 37% delle inserzioni nel settore smartphone viene pubblicato su Facebook.

Per non parlare poi del traffico assorbito. Negli Stati Uniti, un utente medio passa su Facebook un minuto su cinque trascorsi online e 42 minuti al giorno. Non a caso, il revenue registrato dal social tramite smartphone nel 2014 è aumentato del 20%, la stessa quota che il brand ha perso da connessione fissa. Si può parlare di una vera e propria trasmigrazione del pubblico dalla linea fissa a quella mobile.

Il social si prende anche il settore informazione

Forse è ancora più sorprendente constatare che Facebook, stando a quanto pubblicato dalla società americana, abbia consolidato la propria leadership anche in ambito informazione. Il 48% della cittadinanza a Stelle e Strisce trae notizie e aggiornamenti dal social, più di quanti lo faccia su Google News e con una quota superiore persino a giganti storici dell’ambito come la CNN (44%), la Fox (39%) e la NBC (37%).

Generatore di traffico di ricerca

E Facebook ha ufficialmente lanciato la sfida a Google persino sul campo prediletto da Big G., ovvero quello del traffico di ricerca. Sempre più utenti partono dall’accesso alla piattaforma di Zuckerberg per poi spostarsi su altri siti web. Facebook è un motore per il traffico esattamente come Google, con tutto ciò che ne deriva in merito all’indotto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA