Fase 2, Fico: “Istituzioni devono lavorare in modo coeso per fronteggiare questo momento. Senza personalismi saremo capaci di reagire nel modo migliore”

dalla Redazione
Politica

“Oggi inizia una nuova fase. Tante persone tornano al proprio lavoro. È una giornata di riaperture e riavvii, di ritrovate abitudini in un contesto diverso rispetto a quello di qualche mese fa. Dobbiamo affrontare questo nuovo percorso con prudenza, responsabilità, coraggio, così come fatto finora. Le istituzioni devono lavorare in modo coeso per fronteggiare questo momento di emergenza e dare le risposte adeguate a chi vive situazioni di maggiore difficoltà”. Lo scrive in un post su Facebook il presidente della Camera, Roberto Fico. “È nostro dovere farlo – aggiunge -: soltanto con una salda unità d’intenti fra istituzioni, mettendo da parte i personalismi, saremo capaci di reagire nel modo migliore. Lo dobbiamo a tutti gli italiani”.

“Alla Camera proseguiamo il nostro lavoro. Vi aggiorno come di consueto – prosegue Fico – sulle attività in programma questa settimana. In queste ore le commissioni Attività produttive e Finanze stanno esaminando gli emendamenti al decreto Liquidità imprese, che approderà mercoledì pomeriggio in Aula per la discussione generale. Le commissioni si sono riunite a partire da ieri e proseguiranno il proprio lavoro anche oggi e domani. In Aula martedì pomeriggio si voteranno le mozioni sulle libertà costituzionali e alcune ratifiche internazionali. Giovedì mattina ci sarà l’informativa del presidente del Consiglio Conte sulle nuove misure della ‘Fase 2’. Nel pomeriggio i voti sul decreto Liquidità, che proseguiranno nei giorni successivi. Cinque i ministri che saranno ascoltati nelle commissioni fra mercoledì e giovedì: la ministra Bellanova in Comitato Schengen, il ministro Di Maio al Copasir, il ministro Boccia in commissione Federalismo fiscale, la ministra Azzolina in commissione Cultura e il ministro Bonafede in Antimafia”.