Felici e obbedienti verso il potere. Come cambiano le dinamiche del dominio. L’ultimo saggio del filosofo coreano Byung-Chul Han

Byung-Chul Han
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Viviamo ormai in una biosfera che ha sempre più le peculiarità di un Super-organismo di tipo tecno-economico e tecno-spettacolare che incessantemente sviluppa e svilisce le nostre coscienze, e di cui il sistema informativo è cassa toracica e cuore battente. Se ne accorge fin troppo bene il filosofo coreano Byung-Chul Han in questa sua ennesima vibrante opera fortunata in Italia dal titolo Che cos’è il potere? (Nottetempo, pagg. 176, euro 17), dove ci spiega – in una sorta di apologo filosofico i cui protagonisti sono Ego e Alter – che costrizione, violenza fisica e sopraffazione sono, tutto sommato, i volti sfigurati e arcaici del dominio, evoluto ormai verso dinamiche molto più soft, sfumate, discrete, di facile accesso e di indolore acquisizione.

Seguendo una linea storica che parte da Hegel e conduce verso Luhmann, Heidegger, Agamben, Foucault, Han ci fa capire che, per il Potere stesso, intimidazione e minaccia sono armi alquanto spuntate e di corto respiro, poiché la vera lungimiranza di chi vuole controllare le volontà altrui si manifesta nell’elemento discorsivo, nella sua ”eloquenza”, nel dire le cose, nel tracciare i confini della percezione generale, le scale valoriali, le prospettive storiche, nel ridurre al minimo i parossisimi rivoltosi e anti-sistema, nel fomentare l’“enfasi” del sì verso se stesso, piuttosto che una recalcitrante obbedienza, piuttosto che un livoroso no a ciò che proviene dall’alto come obbligo a taluni comportamenti.

Servono la pax sociale, il mantenimento dello status quo, la conservazione delle oligarchie, l’avanspettacolo della cultura, la transumanza perenne delle persone-gregge verso i Grandi Pastori del consenso, e per fare questo necessitano l’infantilizzazione dei format dell’industria culturale, la povertà dei contenuti, la velocità e rapacità dell’esternazione politica, la letargia del popolo che non vede alternativa all’urlo e all’applauso. Il presente diventa un’ontologia di moniti e monitor, un Panopticon orizzontale dove più ci si muove, si respira e si compra, più si coibenta la realtà.

È così diverso tutto questo dalle narrazioni degradate che costellano oggigiorno la nostra quotidianità? Alla Derrida allora, servirebbe una sorta di “auto-immunità” del potere stesso, una sua “auto-abolizione”, il recupero di un “prima”, universale, egualitario e aperto realmente alle differenze e alla molteplicità, ovvero di una dimensione che recalcitra a farsi ossidare per sempre dalla sovranità locale e dagli interessi di casta, e che può essere finalmente svelata solo in corrispondenza di lacerazioni creative che il Potere non potrà inesorabilmente più bendare e suturare.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA