Felipe VI sale sul trono di Spagna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Felipe IV è ufficialmente re di Spagna, dopo il giuramento in parlamento pronunciato con al fianco la moglie Letizia e le figlie. Il giuramento del Re è stato accolto da un lungo applauso da parte dei parlamentari che hanno gridato «Viva il re, viva la Spagna». Felipe VI si è girato verso la moglie Letizia che lo ha baciato sulle guance. «Comincio il mio re con profonda emozione», ha detto il nuovo re di Spagna Felipe VI parlando di fronte al Parlamento.
L’inno nazionale e gli onori militari hanno accolto l’arrivo dei monarchi Felipe VI e Letizia, con le infante Leonor, la più giovane erede al trono d’Europa, e Sofia, alla sede del Parlamento, per la proclamazione ufficiale.
Per non rubargli la scena, il vecchio sovrano Juan Carlos non è presente alla investitura del figlio, ma è presente la madre Sofia, la sorella maggiore Elena. Assente anche la sorella di Felipe, Cristina, secondogenita di Juan Carlos e Sofia, che da quando è stata imputata nel caso Noos, che vede il marito Inaki Urdangarin accusato di appropriazione di fondi pubblici, è stata cancellata da ogni atto ufficiale della corona.

Dalle prime ore dell’alba Madrid è blindata e c’è un forte dispositivo di sicurezza per la cerimonia. C’è un agente ogni cinque metri lungo il percorso che faranno i re, nel centro della capitale, dal Palazzo Reale al Congresso. I nuovi Re stamane erano alla Zarzuela, dove nella Sala des Reyes del Palazzo, c’è stata la vestizione di Felipe VI con la fascia di capitano generale. Dopo aver ricevuto la fascia il re ha salutato la moglie, la regina Letizia, impeccabile in un abito e soprabito bianco seta, e il resto della famiglia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA