Femminicidio, ecco la testimonianza di una vittima

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Clemente Pistilli

Le donne prendono botte, troppo spesso finiscono uccise, ma scelgono il più delle volte di subire in silenzio e andare avanti accanto a quelli che diventano i loro aguzzini. Il perché ce lo spiega una 35enne pontina, che chiameremo Lucia, finita per l’ennesima volta in ospedale dopo essere stata aggredita dall’uomo a cui, dopo sedici anni di matrimonio, ha avuto la forza di dire addio. Lucia vive in un piccolo centro della provincia di Latina, ha due figli, si è sposata a diciotto anni e quello che racconta è un lungo elenco di violenze fisiche e psicologiche, iniziate la prima notte di nozze con un bicchiere lanciato contro di lei dal marito mentre contavano le buste con i regali in denaro ricevuti, andate avanti quando all’ottavo mese di gravidanza è stata scaraventata giù da una scalinata e ha rischiato di perdere la sua bambina e culminate domenica scorsa, con un pestaggio mentre cercava di riportare a casa il figlio che le è stato affidato. “Non l’ho lasciato prima – ci racconta Lucia – perché gli volevo comunque bene, avevo paura di affrontare il mondo da sola e di non riuscire a garantire con il mio lavoro precario un futuro ai miei figli. L’avevo denunciato due volte e poi, confidando nelle sue promesse, avevo ritirato le denunce. Ora voglio giustizia”.