Fiducia, la stilettata di Conte a Salvini: “Arrogante attivare unilateralmente una crisi e concentrare nelle proprie mani tutti i poteri”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Molti degli interventi, e soprattutto quelli dell’opposizione, indulgono sul passato. E c’è chi è rimasto all’8 agosto con arroganza e scarsa conoscenza del diritto costituzionale pensava di attivare unilateralmente una crisi e ritenuto di poter unilateralmente decidere di portare il Paese alle elezioni e ancora più unilateralmente portare il Paese a elezioni e in campagne elettorale da ministro dell’Interno e ancora ha deciso unilateralmente di concentrare definitivamente nelle proprie mani tutti i poteri: pieni poteri”. E’ quanto ha detto il premier Giuseppe Conte nel corso della replica al Senato, rivolgendosi a Matteo Salvini. “Se questo era lo schema – ha aggiunto il premier -, l’obiettivo è comprensibile che chiunque lo abbia ostacolato, tutti coloro che lo hanno ostacolato per senso di responsabilità e nel rispetto della costituzione, che tutti costoro siano diventati nemici”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA