Fiera di Roma, offerta di un euro per l’acquisto. La proposta arriva da un gruppo pieno di misteri, senza nemmeno un sito Internet

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non ha un sito internet attivo. Al civico romano di via Veneto dove dice di avere una rappresentanza italiana non risponde nessuno. Dettagli un po’ strani, per una società belga quotata alla Borsa di Parigi. Anche perché, se si scava un po’, dietro la sede estera si stagliano i contorni di un gruppo di italianissimi finanzieri. Benvenuti nel mondo di Photonike Capital, la società che da qualche tempo è scesa in campo per rilevare la disastrata Fiera di Roma. Ma ad aggiungere mistero all’inquadramento della Photonike contribuisce anche il fatto che nel giro di qualche mese l’offerta di acquisto fatta arrivare a Roma ha cambiato un bel po’ di contenuti. Elementi sufficienti a chiedersi cosa si muova dietro questo tentativo di operazione. Il contesto, come ampiamente raccontato da La Notizia è quello di una Fiera in concordato preventivo che rischia il collasso. Così come rischia grosso la società controllante, Investimenti spa, che a sua volta fa capo a Camera di commercio di Roma (58,5%), al Comune di Roma (21,7%), alla Regione Lazio (9,8%) e a Lazio Innova (9,8%), società sempre della Regione.

IL QUADRO – Complessivamente il gruppo è schiacciato da 200 milioni di euro debiti, di cui 177 nei confronti di Unicredit. Situazione incredibile, a 10 anni dall’inaugurazione in pompa magna fatta da Walter Veltroni. Il tentativo disperato che sta facendo Luca Voglino, presidente di Investimenti spa, è di portare a termine la vendita delle aree della vecchia Fiera di Roma, quella sulla Colombo, e di alcuni asset della nuova Fiera, sulla Roma-Fiumicino, nella speranza di incassare 200 milioni con cui rimborsare Unicredit e ridare un po’ di linfa al polo fieristico. Ma per rendere appetibili ai potenziali compratori le vecchie aree è necessaria la trasmissione alla Regione Lazio di una delibera di valorizzazione del sito, assunta nel luglio 2015 dalla giunta di Ignazio Marino. Il Commissario Francesco Paolo Tronca, però, ritenendo questa trasmissione un atto politico, è ormai orientato a delegare la “patata bollente” al nuovo sindaco. Per questo Voglino, nell’assemblea di Investimenti spa dello scorso 28 aprile, ha presentato anche un’opzione “B” a dir poco draconiana, per il caso in cui il primo schema dovesse ancora rimanere congelato. Parliamo della vendita in blocco di tutta l’area della nuova Fiera. Sarebbe la fine del sogno fieristico romano, così come venne propagandato da Veltroni nel 2006. E per Voglino sarebbe anche il modo per placare il pressing di Unicredit. Nell’assemblea del 28 aprile, però, è spuntata una sorpresa finora sfuggita a tutti i radar. Tra i documenti allegati da Voglino c’è proprio la proposta di acquisto di Photonike Capital. Ebbene, la società belga si offre di rilevare il compendio immobiliare denominato nuova Fiera di Roma a un “prezzo di acquisto pari a 1 euro”. Proprio così: 1 euro.  In più aggiunge quello che di fatto è l’accollo del debito che Investimenti spa ha nei confronti di Unicredit, ossia 177 milioni di euro. Ora, si tratta di una proposta molto diversa da quella che Photonike presentò nell’estate del 2015. Allora, per prima cosa, l’intenzione di acquisto era rivolta a tutto il gruppo Investimeni spa, comprensivo della controllata Fiera Roma srl. In più, oltre all’accollo del debito che superava i 200 milioni, si prevedevano investimenti per 250 milioni, tra consolidamenti della aree, nuove costruzioni e ristrutturazioni. Insomma, sembrava che Photonike fosse disposta a investire circa mezzo miliardo. Contorni oggi nettamente cambiati.

NELLE RETROVIE – Ma chi c’è dietro questa misteriosa società che ha sede nella cittadina belga di Lasne, nemmeno 15 mila abitanti? Il presidente, Fausto Ventriglia, dagli archivi Euronext risulta essere anche azionista di Photonike al 25%. Un altro 25% risulta accreditato alla Small Caps Finance, società lussemburghese che si occupa di accompagnare la piccole imprese in Borsa e che a sua volta fa capo al finanziere Bernardo Ruzziconi e allo stesso Ventriglia. A completare l’azionariato di Photonike sono poi Claudio Marati, Luciano Minerva e Roberto Moretti, con il 16,6% ciascuno. Insomma, società con sede in Belgio ma con anima italianissima. Quanto all’attività svolta, Photonike comincia occupandosi di fotovoltaico, per poi virare sull’attività di holding di partecipazioni. Nel mentre arriva anche la quotazione all’Euronext di Parigi. In Italia, prima della “lusinghe” alla Fiera, la società si fa notare per due operazioni: un accordo con Falck Renewables nel campo delle energie rinnovabili e l’acquisizione del controllo della Sandretto, azienda piemontese che produce presse per materiali di plastica. Eppure Photonike, nonostante sia quotata e vanti partecipazioni di un certo peso, non ha un sito internet attivo. Dei documenti allegati da Voglino per l’assemblea di Investimenti emerge che la società ha una rappresentanza a Roma nella centralissima via Veneto. Ma al civico indicato non c’è traccia della Photonike e gli unici che rispondono al citofono non ne sanno niente. Per questo l’offerta per Fiera di Roma arrivata dal Belgio, ma in realtà molto italiana, fa riflettere. E soprattutto fa riflettere quell’offerta di accollarsi la sola parte di debiti nei confronti di Unicredit. Un’opzione che chiama in causa una banca che di fatto ha in mano le sorti del polo fieristico romano. E che certo non è esente da responsabilità per il disastro a cui oggi assistiamo dopo 10 anni.

 

Riceviamo e pubblichiamo:

In relazione all’articolo pubblicato il giorno 14 maggio 2016 si precisa che le informazioni fornite dal giornale provenienti da Euronext fanno riferimento allo schema azionario all’epoca della quotazione. Attualmente l’azionariato della società è suddiviso tra 7 soggetti di riferimento e di mercato, tra cui solo due sono italiani. Il Cda di Photonike è composto dai sigg. Ventriglia e Minerva di passaporto italiano, dal sig. Marati di passaporto Usa e dal sig. Mangion di passaporto Maltese. La società non opera con il grande pubblico e non ha mai avuto bisogno di un sito internet, senza per questo violare alcuna normativa europea. In Italia la società è iscritta alla Camera di Commercio con regolare codice fiscale con domicilio fiscale presso uno dei soci storici in Via V. Veneto 54B in Roma.

Quanto alla Nuova Fiera di Roma, si precisa che l’offerta presentata è conforme alle richieste fatte dalla società cedente, per non contravvenire alle norme della Corte di Conti in merito a perdite patrimoniali, in quanto libera la vecchia Fiera di Roma da qualunque ipoteca ed il valore disponibile a beneficio della Investimenti Spa. La proposta originaria di acquisire la società o il ramo di azienda è risultata infatti non percorribile e rimane solo la pura vendita immobiliare. In ogni caso l’offerta presentata è da sottoporre a gara pubblica.

Inoltre, secondo le espresse richieste della parte cedente, la stessa offerta deve essere completata con gli impegni riguardanti l’esistenza della Fiera di Roma a servizio del territorio. Il totale di costo della operazione è di circa 190 milioni di euro pari al costo del debito, oltre al fabbisogno necessario alla soddisfazione della procedura fallimentare della Fiera di Roma S.r.l. Per la realizzazione del progetto, dopo l’acquisizione, si confermano i valori di investimento a suo tempo indicati.

Infine si precisa che Photonike non ha alcun legame diretto od indiretto, attuale o passato, con i vertici di Investimenti Spa, Fiera di Roma S.r.l., Unicredit Spa o Camera di Commercio di Roma.

Photonike Capital Sa