Filippine, la carneficina di cui nessuno parla. Centinaia di cadaveri per le strade di Marawi City negli scontri tra Isis ed esercito. “Si temono mille morti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una carneficina di cui nessuno, se non pochi, parla. Eppure nelle Filippine si continua a morire. L’ultima carneficina sta avvenendo in queste ore: secondo quanto racconta Reuters, ci sono centinaia di cadaveri per le strade e la popolazione in fuga sotto il fuoco incrociato di miliziani islamisti ed esercito. Questa la situazione a Marawi City, nelle Filippine, secondo quanto riportato dai media locali.

Un politico della città assediata dalle milizie da tre settimane, Zia Alonto Adiong, ha parlato di “500-1000 morti individuati”. L’esercito ha confermato la morte di 290 persone fino a questo momento.