Finmeccanica finisce nella bufera

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quattro arresti sono stati eseguiti dalla GdF nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Napoli sul Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti. Agli arresti domiciliari, per fondi neri e tangenti, Lorenzo Borgogni, ex direttore delle Relazioni esterne Finmeccanica, Stefano Carlini, ex direttore operativo della Selex service management e due imprenditori romani, Vincenzo Angeloni e Luigi Malavisi. Le accuse contestate sono di associazione per delinquere e corruzione. Dalle indagini è emerso che sarebbero stati costituiti fondi neri all’estero finalizzati al pagamento di tangenti destinate ai vertici del gruppo industriale. Sono stati sequestrati 28 conti correnti e due cassette di sicurezza.

La nota della Procura
L’imprenditore romano Vincenzo Berardino Angeloni “appariva aver costituito una sorta di braccio operativo dei vertici di Finmeccanica”. Lo scrive il procuratore aggiunto di Napoli Francesco Greco, che coordina il pool di magistrati (Catello Maresca, Marco Del Gaudio e Maurizio Giordano) che già ad aprile 2013 avevano ottenuto dal gip partenopeo 26 misure cautelari nell’ambito dell’inchiesta su illeciti legati agli appalti del sistema di tracciabilita’ dei rifiuti Sistri. Questa seconda tranche di indagini, appunto, e’ basata su materiale acquisito dall’inchiesta ‘madre’ e dichiarazioni di indagati quali l’ex ad di Selex spa, azienda della holding Finmeccanica, Sabatino Stornelli e del fratello Maurizio.

Anche Angeloni era stato arrestato un anno fa. Per i pm, l’imprenditore “si occupava “della richiesta e dell’esazione delle somme di denaro illecitamente accumulate,
per recapitarle ai vertici del gruppo industriale”, ed era il destinatario del denaro che aveva origine dalle false fatturazioni per fittizie consulenze a società cartiere
precostituite ad hoc grazie a prestanomi”. Le indagini riguardano anche un episodio di corruzione con 4 milioni di euro che sarebbero stati consegnati direttamente in uffici
Finmeccanica all’interno di borsoni con il logo della società sportiva Valle del Giovenco, squadra di calcio abruzzese legata ad Angeloni e a Stornelli.