Follia no vax contro M5S, giornalisti e medici. Bassetti rincorso e minacciato ora chiede la scorta. Casa: “Deriva violenta e squadrista che ha contorni preoccupanti”

no vax no green pass M5S
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Follia no vax e no green pass contro M5S, medici e giornalisti. Si susseguono da giorni aggressioni contro i giornalisti e attacchi ai gazebo del Movimento cinque stelle. L’infettivologo Matteo Bassetti è stato rincorso e minacciato sotto casa, a Genova e ora chiede di essere protetto.

“Da sabato ad oggi – ha detto la presidente M5s della Commissione Cultura Scienza e Istruzione della Camera, Vittoria Casa – si contano la devastazione del gazebo del Movimento 5 Stelle a Milano e ben due aggressioni ai cronisti. È in atto una deriva violenta e squadrista del movimento No Vax che ha contorni preoccupanti e che richiederebbe la condanna senza doppiezze di tutte le forze politiche”.

Sabato un gazebo del Movimento 5 Stelle è stato distrutto a Milano, mentre a Roma, durante i cortei dei no vax e no green pass, la giornalista di Rainews, Antonella Alba, è stata aggredita e ferita insieme a un videgiornalista di Repubblica, Francesco Giovannetti (“Ti taglio la gola se non te ne vai” le parole rivolte al cronista da un manifestante). La Digos del capoluogo lombardo ha denunciato 6 persone, tra i 50 e i 62 anni, per aver organizzato un corteo non autorizzato, mentre due No Vax, un 46enne con molti precedenti penali e una donna di 34, sono stati denunciati per il danneggiamento gazebo del Movimento.

no vax no green pass M5S

“Oggi a Milano hanno distrutto un gazebo del Movimento 5 Stelle – ha scritto su Facebook il leader M5S, Giuseppe Conte riferendosi alla manifestazione no vax di sabato scorso – dove si raccoglievano le firme per la presentazione della lista per l’elezione comunale. È un gesto gravissimo, profondamente antidemocratico. La risposta migliore che la comunità milanese può offrire è presentarsi domani per depositare una firma: una firma non solo per il Movimento 5 Stelle ma per l’affermazione dei valori che presiedono a una libera competizione democratica”.

“C’è una minoranza chiassosa – aggiunge l’esponente M5S Casa-, reazionaria e antidemocratica che vorrebbe imporsi al resto del Paese ed è allarmante constatare che la violenza di questa mattina sia avvenuta davanti al Ministero dell’Istruzione. Parte di questo mondo comprende dunque anche persone che appartengono al mondo della scuola. Questa circostanza è inammissibile. La mia solidarietà a Francesco Giovannetti, videogiornalista di Repubblica”.

“Ancora una violenta e inaccettabile aggressione. Ai giornalisti coinvolti e alle loro redazioni va la mia piena solidarietà. Dobbiamo dire basta a questi gravi episodi” ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza.

L’infettivologo Bassetti rincorso e minacciato dai no vax sotto casa chiede la scorta

Minacce sono state rivolte anche nei confronti del direttore della clinica malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti. L’esperto ha denunciato alla polizia di essere stato minacciato ieri sotto la sua abitazione a Genova. “Chiedo di essere maggiormente tutelato dalla magistratura – ha detto l’infettivologo -. Bisogna che ci sia un’azione a difesa di chi ha messo la faccia a favore dei vaccini”.

Bassetti, in particolare, ha raccontato di essere stato inseguito e minacciato da un uomo di 46 anni no vax che, dopo averlo incontrato per strada, lo ha inseguito riprendendolo col telefonino e urlandogli “Ci ucciderete tutti con questi vaccini, ve la faremo pagare”. Bassetti si è allontanato e ha chiamato la polizia. Gli agenti, insieme alla Digos, hanno identificato l’uomo e lo hanno denunciato.

Leggi anche: Covid, secondo l’Oms in Europa fino a dicembre potrebbero esserci altri 236mila morti. Kluge: “Preoccupata la stagnazione del tasso di vaccinazione”.