Fondi dell’editoria non dovuti, sequestro di 2,5 milioni a una coop in provincia di Caserta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I fondi dell’editoria non erano dovuti. E così è arrivato un sequestro per 2,5 milioni di euro. Per questa ragione la Guardia di Finanza di Caserta ha sequestrato – in esecuzione di un provvedimento emesso dal gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della locale procura – beni per un valore di 2,5 milioni di euro alla coop operante nel settore dell’editoria “Dossier società Cooperativa Giornalistica”, all’amministratore di fatto Pasquale Piccirillo e ai rappresentanti legali della società – si tratta di una srl – Antonio Sollazzo e Caterina Maria Bagnardi.

Per la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere la società avrebbe percepito illecitamente, tra il 2009 e il 2011, i finanziamenti previsti dalle legge sull’editoria.

Per gli investigatori alcuni giornalisti figuravano come soci ma erano dipendenti. Le indagini sono state condotte dai Nuclei di Polizia Tributaria di Caserta e di Taranto. La società ha infatti sede a Grottaglie, nella provincia di Taranto. La legge conferisce i finanziamenti solo alle coop editoriali in cui almeno il 50% dei soci siano giornalisti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA