Fondo sanità, l’intesa Stato-Regioni partorisce un maxi taglio da 2,3 miliardi. Solo il Veneto alza la voce per dire di no

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Raggiunta l’intesa sul Patto della salute in sede Stato-regioni per il taglio da 2,35 miliardi di euro previsto dalla legge di stabilità. Tutti d’accordo tranne il Veneto che è uscito ma il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha spiegato che così facendo “ci ha permesso di chiudere e quindi lo ringrazio”. Il ministro ha poi spiegato che “L’accordo raggiunto ci permette di compensare il mancato incremento sul Fondo sanitario senza uno stravolgimento delle leve finanziarie e dell’impianto del Patto”. Anche sull’entità del fondo da 113 miliardi nel 2016 esecutivo e regioni sembrano essere quasi totalmente in accordo. “Non si capisce come si possa essere soddisfatti di un’intesa che conferma i tagli”, attaccano i sindacati e parte delle opposizioni.