Forza Nuova, usanze vecchie. Assalto xenofobo e vandalico contro l’ufficio dell’Organizzazione per le Migrazioni (Oim) di Roma

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il clima dopo le polemiche tra Ong e migranti è sempre più caldo e sembra espandersi piuttosto che sedarsi. E così oggi a Roma l’Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) è stato oggetto di una manifestazione “vandalica” e, pare, dai contorni xenofobi di alcuni componenti del movimento di destra Forza Nuova. L’Oim fa sapere che qualche decina di manifestanti ha occupato lo spazio esterno della sede dell’organizzazione a Roma e appeso uno striscione contro le Organizzazioni Non Governative che effettuano operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo, accendendo fumogeni, urlando slogan contro l’immigrazione e arrivando a schernire un migrante che stava entrando negli uffici.Il direttore dell’ufficio Federico Soda ha condannato l’episodio: “Colpire in modo vandalico una organizzazione delle Nazioni Unite impegnata nel campo della migrazione non aiuterà ad affermare le posizioni di stampo xenofobo che i manifestanti si propongono di diffondere. Posizioni frutto di un’analisi confusa e superficiale, purtroppo sempre più basata su luoghi comuni che su una reale conoscenza del fenomeno. Pur non essendo un’organizzazione non governativa e non svolgendo attività di soccorso nel Mediterraneo, ribadiamo l’importanza e la necessità di salvare vite e condanniamo con fermezza le accuse rivolte a tutti coloro che si impegnano nelle operazioni di ricerca e soccorso in mare” aggiunge Soda.

L’Oim, agenzia parte del sistema della Nazioni Unite con 166 stati membri e con quartier generale a Ginevra, si occupa in Italia di varie attività relative al fenomeno migratorio, dall’assistenza ai punti di sbarco alla realizzazione di programmi di Migrazione e Sviluppo in Africa e al sostegno al Ritorno Volontario e Assistito per quei migranti che intendono tornare nel loro paese di origine.

Per quanto invece riguarda Forza Nuova, la denuncia è chiara. “Questo è stato solo un primo avvertimento. Non lasceremo che quanto denunciato dal Procuratore di Catania Zuccaro venga insabbiato”. Alessio Costantini, responsabile romano di Forza Nuova, spiega così l’assalto xenofobo a danno della sede romana dell’Oim. “Sono anni – aggiunge – che Forza Nuova denuncia il connubio tra malavita internazionale, schiavisti e Ong per pilotare l’invasione di immigrati e la sostituzione etnica. A riprova della delicatezza del tema sollevato da Zuccaro, Soros, il capo dei capi, si è incontrato col premier Gentiloni, probabilmente per assicurarsi l’impunità e la salvaguardia degli affari. Questo ovviamento è alto tradimento nei confronti della Patria. Oggi siamo entrati qui, ma siamo pronti ad assediare il Parlamento se l’invasione non viene immediatamente fermata, e gli immigrati già presenti non vengono rimpatriati. Non consentiremo la sostituzione etnica del nostro popolo. Italia agli italiani!”.