Francia, disastro in Costa Azzurra. Una tempesta travolge tutto: 17 morti fino ad ora. Ma ancora sono 5 i dispersi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Diciassette morti e cinque dispersi nelle inondazioni in Costa azzurra: è il nuovo drammatico bilancio delle inondazioni in Costa Azzurra. Le forze dell’ordine e la Croix Rouge stanno cercando tre dispersi nella zona di Mandelieu La Napoule. LA TEMPESTA – Una tromba d’aria con piogge torrenziali si è abbattuta su tutta la regione, fino Nizza e Cannes, inondando anche la celebre Promenade des Anglais. Al momento – mentre il sole è tornato sulla Costa azzurra – 35.000 case restano senza elettricità e la rete ferroviaria risulta ancora bloccata in diversi punti. Una quindicina i treni fermati e costretti a trascorrere la notte sul posto con tutti i passeggeri all’interno. Alla stazione di Nizza sono stati accolti oltre 500 turisti. Sono ripartiti, a più riprese e dopo ore fermi, i cinque”treni bianchi” dell’Unitalsi, con a bordo circa 2.500 italiani reduci da un pellegrinaggio a Lourdes. La Farnesina, “al fine di fornire la massima assistenza” agli italiani “in rientro in Italia da Lourdes a seguito dell’emergenza maltempo che ha colpito il Sud della Francia”, ha subito attivato l’Ambasciata d’Italia a Parigi e i Consolati Generali di Nizza e Marsiglia “per i necessari contatti con le competenti autorità prefettizie francesi”, riferisce il ministero degli Esteri. IL SUPPORTO DEL PRESIDENTE – Hollande, intanto, ha promesso alla popolazione sinistrata un indennizzo “entro tre mesi”. Il presidente, arrivando a Biot, nell’entroterra di Antibes, ha espresso tutto il suo “sostegno alle famiglie” arrivando a Biot, nell’entroterra di Antibes, una delle zone più colpite dalle inondazioni in Costa azzurra. Il presidente ha reso omaggio al lavoro di tutti i soccorritori e alla “mobilitazione eccezionale tenuto conto della gravità della situazione”. Hollande ha annunciato che mercoledì il Consiglio dei ministri dichiarerà lo stato di catastrofe naturale e ha garantito indennizzi alla popolazione “in meno di tre mesi”. LA CONTA – A Biot tre persone anziane sono morte annegate in una casa di riposo. Altri tre morti sono stati trovati nella loro auto a Vallauris-Golfe-Juan. Il Comune di Nizza ha comunicato che in due giorni è caduta una quantità di pioggia pari al 10% della media annuale. A Cannes, una sessantenne è stata ritrovata morta vicino a un parcheggio. Le autorità hanno precisato – riferisce ancora Rts – che “il bilancio non può essere considerato definitivo, tenuto conto delle difficoltà di accesso alle zone colpite”. Alcuni veicoli – ha detto il sindaco di Cannes, David Lisnard, all’emittente – sarebbero stati trascinati fino al mare. Una decina di treni, secondo la compagnia ferroviaria Sncf, sono rimasti bloccati nelle stazioni del sudest francese con centinaia di viaggiatori a bordo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA