Francia, disastro in Costa Azzurra. Una tempesta travolge tutto: 17 morti fino ad ora. Ma ancora sono 5 i dispersi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Diciassette morti e cinque dispersi nelle inondazioni in Costa azzurra: è il nuovo drammatico bilancio delle inondazioni in Costa Azzurra. Le forze dell’ordine e la Croix Rouge stanno cercando tre dispersi nella zona di Mandelieu La Napoule. LA TEMPESTA – Una tromba d’aria con piogge torrenziali si è abbattuta su tutta la regione, fino Nizza e Cannes, inondando anche la celebre Promenade des Anglais. Al momento – mentre il sole è tornato sulla Costa azzurra – 35.000 case restano senza elettricità e la rete ferroviaria risulta ancora bloccata in diversi punti. Una quindicina i treni fermati e costretti a trascorrere la notte sul posto con tutti i passeggeri all’interno. Alla stazione di Nizza sono stati accolti oltre 500 turisti. Sono ripartiti, a più riprese e dopo ore fermi, i cinque”treni bianchi” dell’Unitalsi, con a bordo circa 2.500 italiani reduci da un pellegrinaggio a Lourdes. La Farnesina, “al fine di fornire la massima assistenza” agli italiani “in rientro in Italia da Lourdes a seguito dell’emergenza maltempo che ha colpito il Sud della Francia”, ha subito attivato l’Ambasciata d’Italia a Parigi e i Consolati Generali di Nizza e Marsiglia “per i necessari contatti con le competenti autorità prefettizie francesi”, riferisce il ministero degli Esteri. IL SUPPORTO DEL PRESIDENTE – Hollande, intanto, ha promesso alla popolazione sinistrata un indennizzo “entro tre mesi”. Il presidente, arrivando a Biot, nell’entroterra di Antibes, ha espresso tutto il suo “sostegno alle famiglie” arrivando a Biot, nell’entroterra di Antibes, una delle zone più colpite dalle inondazioni in Costa azzurra. Il presidente ha reso omaggio al lavoro di tutti i soccorritori e alla “mobilitazione eccezionale tenuto conto della gravità della situazione”. Hollande ha annunciato che mercoledì il Consiglio dei ministri dichiarerà lo stato di catastrofe naturale e ha garantito indennizzi alla popolazione “in meno di tre mesi”. LA CONTA – A Biot tre persone anziane sono morte annegate in una casa di riposo. Altri tre morti sono stati trovati nella loro auto a Vallauris-Golfe-Juan. Il Comune di Nizza ha comunicato che in due giorni è caduta una quantità di pioggia pari al 10% della media annuale. A Cannes, una sessantenne è stata ritrovata morta vicino a un parcheggio. Le autorità hanno precisato – riferisce ancora Rts – che “il bilancio non può essere considerato definitivo, tenuto conto delle difficoltà di accesso alle zone colpite”. Alcuni veicoli – ha detto il sindaco di Cannes, David Lisnard, all’emittente – sarebbero stati trascinati fino al mare. Una decina di treni, secondo la compagnia ferroviaria Sncf, sono rimasti bloccati nelle stazioni del sudest francese con centinaia di viaggiatori a bordo.