Freddo senza tregua sull’Abruzzo, tanta neve su Amatrice. Le previsioni meteo non annunciano nulla di buono sulle zone colpite dal terremoto

dalla Redazione
Cronaca

L’ondata di freddo e neve che ha colpito il centro Italia diventa ancora più pesante dopo le scosse di terremoto delle ultime ore. E le previsioni meteo non annunciano buone notizie, specie su Amatrice: nei prossimi giorni, infatti, la località devastata dal sisma del 24 agosto sarà interessate ancora da forti nevicate. In particolare domani, giovedì 19 gennaio, sono attese precipitazioni nevose molto intense con altri accumoli intorno ai 20 centimetri. Una parziale tregua arriverà solo venerdì 20 gennaio, ma le temperature resteranno gelide: le massime toccheranno appena 0°C, mentre le minime crolleranno anche a -3°C. Sabato, però, dovrebbe tornare la neve, anche se più debole rispetto ai giorni scorsi.

Sulla provincia dell’Aquila, invece, le previsioni meteo indicano che le nevicate cesseranno fin dalle prime ore del mattino di giovedì. Ma le temperature rigidissime restano un grave problema, almeno fino a domenica. Per un parziale miglioramento, bisognerà attende lunedì 23 gennaio quando la colonnina di mercurio farà registrare una forte risalita, con una settimana che – almeno fino alla sua metà – dovrebbe risparmiare l’Italia (e soprattutto le zone centrali) da altre ondate di maltempo. Nemmeno le minime saranno più sotto lo zero, consentendo alle popolazioni terremotate di tirare un sospito di sollievo almeno per quanto riguarda l’emergenza-freddo.