Fuori dal Movimento chi pensa agli affari propri. Di Maio ai malpancisti: i Cinque Stelle nati per fare gli interessi dei cittadini non per soddisfare l’ego di qualche eletto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“In un momento difficile per tutti e per il Paese, vedo che c’è qualcuno più interessato ad alzare polemiche inutili sul Movimento, qualcuno che presta il fianco a una stampa che ci ha sempre disprezzato, che lo fa rincorrendo il suo ego, la propria visibilità, disinteressandosi di tutto quel che sta accadendo intorno a noi”. Messaggio via Facebook del capo politico M5S, Luigi Di Maio, ai malpancisti del Movimento. “Lo dico chiaramente: qui si lavora per cambiare il Paese. Chi è interessato a fare il gioco degli altri e del sistema può accomodarsi in un partito”. Ma il Movimento è un’altra cosa.

“Si occupa dei problemi delle persone, il Movimento è quella forza politica che taglia le poltrone in Parlamento, che non prende tangenti sulle opere pubbliche e che quando fa una scelta di politica economica, la fa pensando all’ambiente e alla salute di tutti noi prosegue -. Tutto questo si ottiene lavorando ogni giorno a testa bassa, non alimentando retroscena su qualche giornale compiacente”.

Certo, “l’ego umano lo conosciamo, e quando il Movimento è nato sapevamo bene che sarebbe potuto succedere che qualcuno di noi pensasse più ai suoi interessi che a quelli del Paese. Era una cosa prevedibile, nessuno si stupisce. Bene, chi di fronte alle vittime di Venezia e al dramma dell’Ilva preferisce guardarsi gli affari suoi, conosce la strada. Il Movimento non lo piangerà. Qui si pensa al Paese, qui nel M5S siamo portavoce dei cittadini e Di nessun altro”.