Gallipoli, virus: giovanissimi denunciano sintomi su TikTok ma il Comune denuncia la bufala

Gallipoli, virus spaventa e fa scattare filmati denuncia su Tik Tok di giovanissimi. Tuttavia, il Comune dichiara che non c'è emergenza.

Gallipoli, virus mette in allarme molti giovanissimi. Su Tik Tok stanno diventando virali dei filmati di ragazzini che denunciano di aver preso un virus che non è il Covid nelle acque della città pugliese, tanto che dichiarano la presenza di sintomi come tosse, mal di gola ed occhi rossi ma con tamponi tutti negativi.

Gallipoli, virus: giovanissimi denunciano sintomi su TikTok ma il Comune denuncia la bufala

Gallipoli, virus: giovanissimi denunciano sintomi su TikTok

Nelle ultime ore, sono diventati virali vide-denunce di giovanissimi su Tik Tok che dichiarano di avere dei sintomi da Covid ma con tamponi negativi. “Quando vai a Gallipoli e ti prendi un virus che non è Covid”, dice una ragazzina in un video.

I ragazzi sostengono che ci sia qualcosa nell’acqua marina, dal momento che tutti hanno fatto il bagno durante il soggiorno nella località marittima. C’è, inoltre, chi parla di “batterio nell’acqua”. Lo dice chiaramente una delle vittime del misterioso virus: “Credevo fosse per l’aria condizionata, ma a questo punto credo sia qualche batterio nell’acqua”Infatti, c’è chi afferma che possa trattarsi di Escherichia Coli, la cui presenza era stata individuata nelle acque della riviera romagnola e i cui valori sono presto rientrati nella normalità.

Il Comune denuncia la bufala

Tuttavia, la preoccupazione e le denunce dei giovanissimi vengono stoppate dal Comune. “E’ assurdo – spiega all’ANSA il sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva – che quella che a tutti gli effetti è una bufala, sia diventata una notizia. Non c’è nessun allarme. Le nostre acque sono pulite: come è emerso di recente da un report di Legambiente, sono tra le più sicure. Non c’è nessun inquinamento, come si evince anche dai recenti campionamenti fatti anche nella zona del depuratore”. “Abbiamo – aggiunge Minerva – anche contattato i responsabili del Pronto soccorso dell’ospedale Sacro Cuore di Gallipoli, i quali hanno confermato che non esiste un aumento dei casi di ragazzi con sintomi come quelli denunciati sui social”. Sulla vicenda, conclude il primo cittadino, “abbiamo provveduto col nostro ufficio legale a sporgere denuncia alla Procura della Repubblica di Lecce“, anche per tutelare l’immagine della città tra le più ambite dai turisti di tutto il mondo.
Anche fonti sanitarie interpellate dall’ANSA confermano che non c’è un aumento di persone che accedono al Pronto soccorso con sintomi che potrebbero ricondurre alla presenza di virus nell’acqua. “Da quello che ci risulta – sottolineano – non esistono casi né virus misteriosi”.

Anche l’assessore regionale alla Sanità, Rocco Palese, esclude che ci sia bisogno di preoccuparsi: “Non ho ricevuto alcun tipo di informazione, in merito. Escludo che ci siano problematiche particolari, penso invece a situazioni ordinarie. Tuttavia, faremo tutti i dovuti approfondimenti”.

Leggi anche: Benzina e diesel, prezzi in calo ma sale il metano: le tariffe con il Codacons in protesta

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram