Gare d’appalto truccate ad Apricena, nel foggiano. La Guardia di Finanza arresta il sindaco Antonio Potenza. Da un anno era passato da Forza Italia alla Lega

dalla Redazione
Cronaca

Il sindaco di Apricena, comune in provincia di Foggia, Antonio Potenza, è stato arrestato questa mattina dalla Guardia di finanza, insieme ad altre due persone, nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla procura pugliese su presunte irregolarità nelle gare per l’aggiudicazione di commesse pubbliche. Potenza, al suo secondo mandato, nel maggio 2018, dopo undici anni di militanza in Forza Italia, aveva aderito alla Lega. Il sindaco, ora ai domiciliari, avrebbe un imprenditore a lui molto vicino. Nel corso delle indagini sono stati accertati reati di natura fiscale, fatturazioni per operazioni inesistenti e false dichiarazioni dei redditi. La Finanza ha anche accertato un episodio di concussione. Oltre a Potenza è stato arrestato un altro amministratore pubblico e un imprenditore. Ulteriori 20 persone risultano indagate in stato di libertà.