Una domenica di sangue a Gaza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Una domenica di sangue nella Striscia di Gaza. Almeno 87 palestinesi sono morti oggi 62 dei quali a Sajaya, il sobborgo di Gaza City pesantemente colpito dai raid israeliani. Secondo fonti palestinesi dall’inizio dell’operazione le vittime sarebbero state 425, di cui 112 minori, 41 donne e 25 anziani.

ll segretario di Stato, John Kerry, punta il dito contro Hamas, accusata di usare i civili come scudo e di rifiutare ostinatamente un cessate il fuoco. “Stiamo lavorando a un cessate il fuoco in Medio oriente” ha detto, sottolineando che l’amministrazione ha contatti continui con Israele e che Kerry ha sentito il segretario generale dell’Onu, Ban Ki Moon.

Il segretario generale della Lega Araba, Nabil el-Araby, ha dichiarato i “bombardamenti barbari” e l’attacco terrestre israeliano contro il quartiere di Sajaya a Gaza sono considerati come un “crimine di guerra” contro i civili palestinesi ed “un’escalation pericolosa” della situazione che lascia presagire “conseguenze nefaste”.

Sarebbe salito, invece, a 18 il numero di soldati israeliani che hanno perso la vita dall’inizio delle operazioni militari di terra.