Produzione industriale amara. A gennaio -0,7% rispetto a dicembre, -2,2% sullo scorso anno. In controtendenza il comparto dei veicoli: +35,9%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La produzione industriale torna in calo a gennaio e diminuisce dello 0,7% rispetto al mese precedente e del 2,2% rispetto a gennaio 2014. A rivelarlo è stato l’Istat registrando nuovi segni meno dopo il risultato positivo di dicembre. Tutti i comparti contribuiscono alla flessione tendenziale; diminuiscono i beni intermedi (-2,8%), l’energia (-2,7%), i beni di consumo (-2,0%) e, in misura meno rilevante, i beni strumentali (-0,9%). In controtendenza la produzione di autoveicoli che cresce del 35,9% rispetto all’anno precedente. Si tratta del quarto aumento a due cifre consecutivo per il settore (da ottobre 2014). Tra i dati positivi anche i comparti dell’energia (+0,5%) e dei beni di consumo (+0,1%). Diminuiscono invece i beni strumentali (-1,8%) e i beni intermedi (-0,2%). Per quanto riguarda i settori di attività economica, i comparti che registrano i maggiori aumenti tendenziali sono quelli della fabbricazione di mezzi di trasporto (+16,1%), della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (+4,3%) e delle altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine ed apparecchiature (+4,3%).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA