Giletti finisce sotto scorta. Il provvedimento è legato alle minacce rivolte al conduttore dal boss Graviano. “Sono molto dispiaciuto. E’ obbligatorio, non posso sottrarmi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Massimo Giletti è finito, da un paio di settimane, sotto scorta. La notizia, lanciata dal sito Antimafia Duemila, è stata confermata dallo stesso conduttore di Non è l’Arena al sito Corriere della Sera. “Sono molto dispiaciuto e non posso dire molto. E’ obbligatorio, non posso sottrarmi”. Alla base del provvedimento, emanato dalla Prefettura di Roma, ci sono le minacce rivolte a Giletti dal boss Filippo Graviano, intercettato in carcere, dopo la discussa scarcerazione di 300 mafiosi a causa dell’emergenza Coronavirus.

Nel mirino di Graviano è finita la puntata del 10 maggio scorso, quando Giletti lesse i nomi dei detenuti usciti di prigione. Delle minacce di Graviano, contenute nel libro di Lirio Abbate U siccu, il conduttore di La7 era venuto a sapere dalle colonne di Repubblica soltanto a luglio: “Non mi pare proprio normale – aveva dichiarato Giletti in un’intervista al Corriere – che io non ne abbia saputo nulla. In questa storia quello che pesa e’ per l’ennesima volta il silenzio delle istituzioni competenti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA