Gimbe chiede di ridurre la quarantena a chi ha fatto la terza dose e di introdurre l’obbligo vaccinale. Cartabellotta: “Omicron è molta contagiosa. Ci vuole buonsenso”

Gimbe Omicron Coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Al netto dei dati di ieri che ci hanno riportato poco più di 25 mila contagi ma a fronte di molti meno tamponi effettuati, nelle ultime settimane abbiamo visto che i casi giornalieri sono passati da 15 mila a ridosso dell’Immacolata a circa 37 mila al giorno a Natale. La variante Omicron è molto più presente di quanto non dicano i dati delle flash survey effettuate dall’Iss. È una variante talmente contagiosa che nel momento in cui si stabilisce la reale presenza la stessa variante si è ulteriormente diffusa”. È quanto ha detto a Radio Cusano Campus il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta.

La buona notizia, sottolinea, “è che a fronte dell’incremento così importante dei contagi l’impatto sugli ospedali è percentualmente modesto. Le persone ricoverate in area medica sono l’1,8% dei quasi 520 mila attualmente positivi. Lo 0,21% è in terapia intensiva per un totale di 1081 casi”.

Cartabellotta avverte di prepararsi ad “essere pronti a vedere crescere ancora la curva dei contagi”. “La cosa certa – ha aggiunto il numero uno di Gimbe – è che più persone si vaccineranno anche con la terza e minore sarà l’impatto sugli ospedali. Dovremmo considerare il periodo della pandemia come ‘prima del vaccino’ e ‘dopo il vaccino’. Gli impatti sugli ospedali, grazie ai vaccini, sono nettamente più bassi rispetto al passato”.

Cartabellotta torna a chiedere una revisione delle quarantene e l’obbligo vaccinale: “Omicron è una variante molta contagiosa. Ogni positivo può aver avuto, di media, dai 5 ai 10 contatti. Se dovessimo avere un milione di positivi vuol dire che potrebbero esserci dai 5 ai 10 milioni di contatti da mandare in quarantena e questo non è possibile”.

“Chi ha fatto il vaccino con la terza dose – ha aggiunto il numero uno di Gimbe – è più difficile si contagi e quindi bisognerebbe rivedere le regole per questa categoria. La persona vaccinata anche con terza dose deve vedere la sua quarantena ridotta visto, come detto, che l’impatto sugli ospedali non è ancora così preoccupante”.

“Dobbiamo entrare in una gestione sanitaria, economica e sociale della pandemia. Ad esempio – ha aggiunto Cartabellotta – sono un fautore della mascherina Ffp2 nei locali al chiuso, quella chirurgica può considerarsi ormai un rimedio ‘omeopatico’, protegge molto poco. L’obbligo di mascherina all’aperto ha più una funzione di tipo sociale. Ci vuole buonsenso. Sono anche un fautore dell’obbligo vaccinale. Basta parlare di prime, seconde e terze dosi. Bisogna che il vaccino diventi una misura di sanità pubblica che andrà somministrato periodicamente. Del resto il vaccino, nonostante il virus circoli, permette di non affollare gli ospedali”.

Leggi anche: Bassetti demolisce la strategia anti-Covid del Governo. I migliori stanno combattendo la pandemia con gli strumenti del 2020. “Finiamola con il tracciamento e le quarantene dei contatti”.