Gli ispettori dell’Aiea sono arrivati a Zaporizhzhia

Uno dei reattori della centrale nucleare di Zaporizhzhia è stato spento dopo l'ennesimo attacco. Nuovo scambio di accuse tra Kiev e Mosca.

Gli ispettori dell’Aiea, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica delle Nazioni Unite, come preannunciato nei giorni scorsi, sono arrivati oggi nella centrale nucleare di Zaporizhzhia controllata dalla Russia dall’inizio del conflitto in Ucraina.

Gli ispettori dell’Aiea sono arrivati a Zaporizhzhia

Uno dei reattori della centrale nucleare di Zaporizhzhia è stato spento dopo l’ennesimo attacco. Nuovo scambio di accuse tra Kiev e Mosca

I 14 membri dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica delle Nazioni Unite, dopo aver attraversato la linea del fronte tra le forze ucraine e russe, nonostante l’intensificarsi dei combattimenti nell’area dove si trova la più grande centrale dell’Ucraina e d’Europa, è riuscito a raggiungere l’impianto e avviare l’ispezione.

Kiev accusa la Russia di voler “fermare” la visita dell’Aiea. Yermak: “Stato terrorista”

Intanto Kiev e Mosca continuano ad accusarsi a vicenda. Il capo di gabinetto del presidente ucraino, Andriy Yermak, ha accusato la Russia di voler “fermare” la visita dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. La Russia, ha detto il capo di gabinetto di Volodymyr Zelensky, si è comportata come uno “Stato terrorista” bombardando il territorio della centrale ed Energodar. “È la Russia la responsabile di tutto ciò che sta accadendo alla centrale nucleare di Zaporizhzhia e a Energodar” ha aggiunto Yermak.

Dopo un attacco dell’artiglieria fermato il reattore numero 5

Il reattore numero 5 della centrale nucleare di Zaporizhzhia, ha riferito questa mattina Energoatom, la società nazionale ucraina per la produzione di energia nucleare, è stato disattivato dal sistema di protezione dopo un attacco dell’artiglieria russa. L’altro dei due reattori operativi, il numero 6, continua, invece, a fornire energia per le esigenze dell’impianto.

Per il capo dell’amministrazione nominata da Mosca a Zaporizhzhia, Volodymyr Rogov, citato dai media russi, a bombardare l’area sono state le forze ucraine.

Croce Rossa: “È ora di smettere di giocare con il fuoco”

Il direttore generale della Croce Rossa, Robert Mardini, ha avvertito che i combattimenti intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia devono essere interrotti immediatamente prima che un “incidente di massa” provochi una catastrofe umanitaria.

“In caso di fuga di radiazioni, sarà difficile, se non impossibile, fornire aiuti umanitari… ed è per questo che le ostilità devono cessare”, ha detto Mardini in una conferenza stampa durante una visita in Ucraina.

“È ora di smettere di giocare con il fuoco – ha aggiunto il direttore generale della Croce Rossa – e prendere invece misure concrete per proteggere questa struttura e altre simili da qualsiasi operazione militare… Il minimo errore di calcolo può innescare una distruzione di cui ci pentiremo per decenni”.

Lavrov: “Stiamo facendo di tutto affinché la centrale di Zaporizhzhia sia sicura”

“Stiamo facendo di tutto affinché la centrale sia sicura, che funzioni in sicurezza, e perché la missione dell’Aiea realizzi tutti i suoi piani” ha detto il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, commentando l’arrivo degli ispettori dell’Aiea a Zaporizhzhia.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram