Gli italiani rischiano di restare senza medici di base. In cinque anni pensione per 50mila camici bianchi. E non ci sono sostituti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tra pochi anni quattordici milioni di italiani rimarranno senza medico di base. Quasi cinquantamila camici bianchi, infatti, scompariranno. A lanciare l’allarme, il segretario nazionale della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg), Silvestro Scotti.  Una emorragia di più di 45mila medici in 5 anni, che coinvolgerà sia i dottori di base sia i medici del Servizio sanitario nazionale. Un dato che con il tempo peggiorerà ulteriormente. Nei prossimi 10 anni, nel 2028, infatti, saranno andati in pensione 33.392 medici di base e più di 47mila medici ospedalieri, per un totale di oltre 80mila camici bianchi. A scendere in campo accanto alla Fimmg anche il sindacato dei medici dirigenti Anaao. Il dato grave, hanno rivelato le organizzazioni sindacali, è anche un altro: le uscite stimate per effetto dei pensionamenti non saranno comunque bilanciate dalle nuove assunzioni. Per i medici di base, infatti, le borse per il corso di formazione in medicina generale messe a disposizione oggi sono circa mille l’anno e se il numero rimarrà costante, afferma la Fimmg, ad essere rimpiazzati, al 2028, saranno non più di 11mila medici, mantenendo un saldo in negativo a quella data di oltre 22mila unità. Un problema se solo si pemsa che con una popolazione che invecchia velocemente, il tema dell’assistenza territoriale sarà una priorità. E che per smaltire le lunghe code ospedaliere la prima assistenza arriva proprio dai medici di famiglia, una garanzia per tutti.