Gli stress test affondano Piazza Affari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Si fanno sentire, eccome, gli stress test della Bce sulle banche europee. La chiusura per Piazza Affari è in deciso ribasso: Mps ha perso il 21,5%, Carige il 17,19%. Insomma un vero e proprio disastro per le due banche italiane bocciate dalla Banca centrale. Milano, tra tutti i listini europei, è quella che ha registrato le perdite peggiori. Il Ftse Mib ha chiuso in calo del 2,40% mentre il Ftse All Share ha ceduto il 2,20%. Fra le altre piazze europee, Parigi ha perso 0,81%, Francoforte lo 0,92, Londra lo 0,36% e Madrid l’1,40%.

Quella odierna è stata una vera e propria giornata da dimenticare per tutti gli istituti di credito. Chiusura negativa per tutti gli altri titoli bancari che in avvio erano scattati in forte rialzo salvo poi invertire la rotta. Banco Popolare, dopo un boom iniziale +6,6%, ha chiuso in calo dell’1,38%. Molto male pure tutte le altre: Ubi Banca (-5,15%), Unicredit (-2,55%), Intesa Sanpaolo (-3,14%), Bper (-4,23%), Bpm (-4,43%) e Mediobanca (-3,35%).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA