Consultazioni, tutto come da copione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Dopo che venerdì sera il capo dello Stato ha incontrato i presidenti del Senato e della Camera Piero Grasso e Laura Boldrini, i colloqui sono ripresi per tutta la giornata; la mattina con i partiti «minori» e, nel pomeriggio, con quelli principali. Il premier in pectore Matteo Renzi è a Firenze, dove sta lavorano alla squadra di governo. Per il Nuovo Centrodestra la pregiudiziale è: no spostamenti a sinistra. ”Abbiamo detto al Presidente della Repubblica – ha spiegato Angelino Alfano – che siamo animati da buona volontà ma che l’esito è incerto. Non siamo in grado di assicurare il lieto fine perche’ vogliamo vederci chiaro su una coalizione che non deve virare a sinistra e che deve avere programmi chiari. Se la coalizione si spostera’ a sinistra – ribadisce – noi diremo no alla nascita di un nuovo governo”. Il programma, su ”idee concrete e chiare – sottolinea Alfano – dovrà essere di centrodestra. Noi saremo gli avvocati del ceto medio italiano, qual ceto che ha patito la crisi”.

Per Scelta civica serve un piano shock su lavoro, crescita e misure economiche. Stefania Giannini al termine delle consultazioni al Quirinale, ha parlato di “un piano che sia discusso e condiviso dalla maggioranza. Per noi una condizione precisa è un patto di coalizione con cui si condividano temi, misure e tempi”.

Udc e Popolari per l’Italia chiedono invece di definire i contenuti. “Noi prendiamo in parola” Matteo Renzi, se si deve fare “un governo di legislatura bisogna che i contenuti siano definiti in maniera molto precisa -ha detto Lorenzo Dellai a nome dei popolari per l’Italia e Udc – e per fare questo serve il tempo necessario e questa esigenza abbiamo rappresentato al capo dello Stato”. Dellai, che era accompagnato da Lucio Romano e Lorenzo Cesa, ha assicurato che dal suo gruppo ci sarà un “atteggiamento di grande responsabilita'” anche se si “riservano di decidere dopo aver conosciuto il profilo, la composizione e il programma” del nuovo governo. Dellai infine ha espresso la sua “fortissima preoccupazione” per “il clima di scontro che ha come principale obiettivo, non a caso, la figura del presidente della Repubblica e il suo ruolo
di equilibrio”.

Difficile – anche se la Camera è stata messa in preallarme – che l’incarico sia conferito stasera o domenica. Più probabile che il Colle inviti Renzi nella giornata di lunedì.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA