Grazie a Di Maio l’Italia torna protagonista in India. L’ultima visita a Nuova Delhi di un ministro del nostro Governo risaliva a dieci anni fa

India Di Maio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La visita di Luigi Di Maio in India segna il ritorno di un ministro degli Esteri italiano dopo dieci anni di assenza. Di Maio è infatti il primo capo della diplomazia a tornare in terra indiana dal 2012, dopo la crisi dei due marò. L’ultima volta era stato l’allora titolare della Farnesina Giulio Terzi.

La missione a Bangalore e Nuova Delhi di Di Maio rappresenta quindi un importante segnale di rilancio della partnership bilaterale e delle relazioni economiche tra Italia e India. Lo stesso Di Maio, infatti, ha affermato: “Questa visita in India e l’istituzione del Consolato generale di Bangalore, in una delle aree più innovative al mondo, ci consentiranno di stringere nuovi legami, aumentare le opportunità per le nostre imprese e creare un percorso comune con l’India”.

“L’intraprendenza dei nostri imprenditori e dei nostri giovani fa sempre la differenza nel mondo” ha scritto il ministro degli Esteri in un post su Facebook. “Ecco alcuni degli startupper italiani a Bangalore – ha aggiunto Di Maio -, in India. Ci tenevo ad incontrarli per conoscere le loro realtà, Even, Noonic e Akiflow, che si sviluppano in un ecosistema molto dinamico per i giovani imprenditori che operano nel settore delle tecnologie”.

“Questi e molti altri sono esempi di successo – ha scritto ancora il ministro degli Esteri -, ai quali come Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale continuiamo a non far mancare il nostro supporto, adesso anche attraverso il Consolato Generale a Bangalore inaugurato proprio oggi. Continuiamo a promuovere e sostenere l’innovazione e la creatività italiane nel mondo”.