“No al green pass alla francese”. Per Sileri i contagi sono ancora bassi. “La Francia ha una situazione epidemiologica più grave”

Green pass Sileri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Non ho mai detto di applicarlo alla francese. Io ho detto a maggio: abbiamo un Green pass, facciamolo, per anticipare le riaperture”. E’ quanto ha detto a Radio Cusano Campus il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri. “Parlare oggi di un green pass alla francese – ha aggiunto l’esponente M5S – ha senso fino a un certo punto perché con un’Italia ancora tutta bianca e con i contagi ancora bassi può avere un’utilità per i viaggi e per i grandi eventi. Può anche però avere un senso in visione prospettica, ad alcune settimane da oggi”.

“I contagi stanno salendo – ha detto ancora Sileri – e quindi noi dobbiamo valutare innanzitutto l’impatto sui nostri ospedali, io credo che sarà un impatto minimo perché oggi i contagi sono prevalentemente tra giovani e tra non vaccinati, quindi i ricoveri saranno sicuramente meno rispetto a quando nessuno era vaccinato. I parametri devono essere basati sulle ospedalizzazioni dovute ai contagi”.

Il rischio è che “i contagi possano continuare a salire, se nel Regno Unito sono arrivati a superare i 20mila contagi, non vedo perché l’Italia non debba arrivare allo stesso numero di contagi avendo peraltro meno vaccinati. Se i contagi salgono e non cambiamo i parametri delle zone di rischio è chiaro che qualche restrizione è possibile”. “Tra la restrizione e avere zero restrizioni grazie al green pass – ha spiegato ancora il sottosegretario – è chiaro che è il green pass lo strumento adatto da utilizzare per gli eventi a rischio di assembramento. Green pass che non è vincolato solo al vaccino, va bene anche il tampone o il test anticorpale per chi ha avuto la malattia”.

“Facendo l’esempio degli stadio io dico – ha aggiunto Sileri -: vorrei gli stadi più pieni possibile e più sicuri possibile, per questo il green pass è un’opportunità. Lo stesso vale per le discoteche. Non dico che debba servire per andare al ristorante, ma se a un certo punto dovessimo arrivare a 30mila contagi con gli ospedali che vanno in difficoltà a quel punto cosa faccio metto le restrizioni per i bar e per i ristoranti oppure dico lasciamoli aperti in sicurezza?”.

“E’ chiaro che il green pass offre un’occasione in questo senso. Non chiamiamolo green pass alla francese – ha concluso Sileri -, chiamiamolo green pass punto. Dev’essere un modo di convivere col virus che in Italia abbiamo già iniziato a sperimentare dalla fine di maggio. La Francia ha una situazione epidemiologica più grave rispetto alla nostra e hanno un’esitazione vaccinale più ampia della nostra”.

Leggi anche: Governo diviso sul Green pass. Ultimo pasticcio dei Migliori. Volano gli stracci nella maggioranza Draghi. Il modello Macron fa litigare pure Lega e Forza Italia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA