Gregoretti, Grasso: “La memoria di Salvini è un boomerang clamoroso. Lo inchioda alle sue responsabilità. Le indagini hanno già chiarito che il Governo non fu coinvolto”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La debolissima memoria difensiva di Salvini e gli allegati sono per lui un boomerang clamoroso. Leggendo le carte depositate anche oggi viene confermato quanto già evidenziato dai magistrati con il loro supplemento di indagine: il Governo non è stato coinvolto nell’assegnazione del POS e nello sbarco dei migranti, ma solo nella ricerca di Paesi disponibili per il ricollocamento, fase che nulla ha a che fare con il reato contestato al senatore Salvini”. E’ quanto afferma il senatore Pietro Grasso (LeU) in una nota commentando i contenuto della memoria difensiva presentata in Giunta dal leader della Lega Matteo Salvini. “La sua memoria – aggiunge l’esponente di LeU – quindi lo inchioda alle sue responsabilita’ personali. Sono quasi stupito di questa strategia difensiva suicida, a meno che non serva per fare la vittima”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA