Beppe Grillo richiama la piazza: Se falliamo noi, violenza nelle strade

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Io canalizzo tutta questa rabbia nel nostro movimento popolare, che poi va e governa. Dovrebbero ringraziarci uno a uno. Se falliamo, l’Italia è destinata alla violenza nelle strade”. Lo ha detto il leader del Movimento 5 stelle, Beppe Grillo, in una intervista a Time. “Tutto – ha aggiunto Grillo – è iniziato in Italia. Il fascismo è nato qui. Le banche sono nate qui. Noi abbiamo inventato il debito. La mafia, sempre noi. Tutto è iniziato qui. Se la violenza non inizia qui, è grazie al movimento. Se falliamo, siamo destinati alla violenza nelle strade. Metà della popolazione non ce la fa più”.

Secondo Grillo, i partiti non servono più: “Se Obama è capace di fare il 5% di quello che dice è un grande. Anche lui è imprigionato in un sistema. L’arte del compromesso, che era l’arte della politica, non è più valido. Il compromesso deve essere tra cittadini, non tra repubblicani e democratici”.

Grillo poi ha attaccato la stampa italiana dal suo blog: “L’accanimento delle televisioni nei confronti del M5S ha raggiunto limiti mai visti nella storia repubblicana, è qualcosa di sconvolgente, di morboso, di malato, di mostruoso, che sta sfuggendo forse al controllo dei mandanti, come si è visto nel folle assalto all’albergo Universo a Roma dove si sono incontrati lunedì scorso i neo parlamentari del M5S. Scene da delirio”. “Questa – ha aggiunto – non è più informazione, ma una forma di vilipendio continuato, di diffamazione, di attacco, anche fisico, a una nuova forza politica incorrotta e pacifica. Le televisioni sono in mano ai partiti, questa è un’anomalia da rimuovere al più presto. Le sette sorellastre televisive non fanno informazione, ma propaganda”.

Grillo ha poi annunciato che con la stampa, per il Movimento 5 stelle, d’ora in poi parleranno soltanto più i portavoce: “Lunedi – dice – sono stati eletti dai gruppi parlamentari del M5S per i prossimi tre mesi due capigruppo-portavoce, Roberta Lombardi per la Camera, e Vito Crimi per il Senato. Loro sono stati titolati a parlare dopo aver discusso e condiviso i contenuti con i componenti del gruppo”.

E ha proposto la sua ricetta per la tv: “E’ indispensabile creare una sola televisione pubblica, senza alcun legame con i partiti e con la politica e senza pubblicità. Le due rimanenti possono essere vendute al mercato”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA