Grillo epura pure la candidata sindaco di Genova scelta dalla base. Via il simbolo alla Cassimatis: “Comportamenti contrari ai principi del Movimento”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il blog di Grillo si abbatte sulle Comunarie di Genova e ne invalida il risultato. La candidata vincitrice, a quanto pare, non è gradita ai vertici del Movimento 5 Stelle. Questo perché sottolinea il post firmato dallo stesso Beppe Grillo “Il Garante del MoVimento 5 Stelle si riserva il diritto di escludere dalla candidatura, in ogni momento e fino alla presentazione della lista presso gli uffici del Comune di Genova, soggetti che non siano ritenuti in grado di rappresentare i valori del MoVimento 5 Stelle”. Questa la spiegazione per non concedere l’utilizzo del simbolo alla lista della candidata sindaca Marika Cassimatis.

Grillo, nel suo lungo post, spiega che dopo le comunarie di martedì scorso gli sono arrivate segnalazioni e documenti sui 28 componenti della lista, inclusa la Cassimatis, che ne evidenzierebbero comportamenti contrari ai principi del Movimento 5 Stelle prima, durante e dopo le selezioni online del 14 marzo 2017. Questo il j’accuse: “In particolare hanno ripetutamente e continuativamente danneggiato l’immagine del MoVimento 5 Stelle, dileggiando, attaccando e denigrando i portavoce e altri iscritti, condividendo pubblicamente i contenuti e la linea dei fuoriusciti dal MoVimento 5 Stelle; appoggiandone le scelte anche dopo che si sono tenuti la poltrona senza dimettersi e hanno formato nuovi soggetti politici vicini ai partiti”. Una decisione irrevocabile. “Non possiamo permetterci di candidare persone su cui non siamo sicuri al 100%”, ha scritto Grillo nel post, “Vi garantisco che non accadrà, né a questa tornata delle comunali, né alle politiche. Le nostre selezioni rispetteranno il voto online, ma saranno rigorose. Rimetto a tutti gli iscritti certificati del MoVimento 5 Stelle la decisione se non presentare nessuna lista per le elezioni comunali di Genova o se presentare la lista, arrivata seconda per un distacco di pochi voti, con Luca Pirondini candidato sindaco. Non lasciamo la mia Genova senza questa possibilità”.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA