Gualtieri ne fa una giusta. Eletta la Raggi per Expo2030. L’ex sindaca a capo della commissione speciale. A masticare amaro restano solo i renziani

Raggi Expo 2030
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tutto come previsto. I tentativi dell’ultim’ora di fare l’ennesimo sgambetto a Virginia Raggi sono falliti e l’ex sindaca è stata eletta dall’assemblea capitolina presidente della commissione speciale su Expo2030, che dovrà accompagnare la candidatura della capitale a ospitare uno dei più importanti eventi internazionali. Per l’esponente pentastellata undici voti favorevoli e una sola scheda bianca. Come vicepresidenti sono stati invece eletti la dem Giulia Tempesta e Antonio De Santis della lista Civica Raggi, la prima con 7 voti e il secondo con 5.

L’ex sindaca Raggi guiderà la commissione speciale su Expo2030

La Raggi, anche in un post su Facebook, ha sostenuto che l’esposizione internazionale “è una grande occasione per la città di Roma e per l’Italia”. “Spero – ha aggiunto – che Roma e il Paese possano vincere questa sfida, innovativa sulla rigenerazione della città”. Sulla possibile location dell’evento l’ex sindaca ha invece precisato che “non è il momento di innamorarsi dei progetti, ma di trovare il progetto migliore per vincere la sfida”.

“È stata una scelta compiuta dalle forze politiche all’inizio della consiliatura, nella distinzione dei ruoli tra maggioranza e opposizione, quella di coinvolgere tutte le forze in alcune commissioni. Una cosa positiva perché ci si assume un impegno sulle sfide più generali della città. Oggi con la nomina di due presidenti della lista Calenda e del M5s hanno visto il coinvolgimento delle opposizioni”, le ha fatto eco il sindaco Roberto Gualtieri.

“Esprimiamo grande soddisfazione per l’elezione di Virginia Raggi”, hanno sostenuto in una nota i gruppi capitolini M5S e Lista Civica Raggi, Ecologia e Innovazione. A non digerire la presidenza dell’ex sindaca alla fine è solo Italia Viva. “Ottime notizie dal Campidoglio. A guidare la commissione su Expo2030 è stata scelta Virginia Raggi (che neanche può partecipare alle riunioni perché senza green pass). Quando si dice premiare il merito. Un plauso ai consiglieri di Italia Viva, Valerio Casini e Francesco Leoncini, gli unici a non avallare questa follia”, ha twittato il deputato renziano Luciano Nobili.

L’Expo non è l’unico pensiero dell’ex sindaca. Virginia Raggi è intervenuta sul caso bollette che sta terrorizzando tante famigle. “La scorsa estate – ha affermato – avevamo già previsto che con il caro energia sarebbe finita male per tante famiglie. Per questo, in campagna elettorale, avevamo indicato anche uno strumento valido per provare ad alleggerire il peso della crisi: utilizzare parte degli utili derivati dalla partecipazione del Comune alle società di servizi energetici per “calmierare” le bollette”. E una proposta ad hoc è stata depositata in Consiglio.