Guerra in Ucraina, ecco la galleria degli orrori russi. Le prove raccolte da Human Rights Watch su stupri, omicidi e violenze inchiodano Putin

Guerra in Ucraina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un organo indipendente che dall’inizio della guerra in Ucraina sta indagando sui crimini nelle aree controllate dalla Russia c’è già: Human Rights Watch è un’organizzazione non governativa che produce ricerche e studi sulle violazioni delle norme internazionali sui diritti umani e che con uomini sul campo sta raccogliendo testimonianze nelle aree di Chernihiv, Kharkiv e Kiev. Ad oggi ha documentato un caso di stupro ripetuto; due casi di esecuzione sommaria, uno di sei uomini, l’altro di un di violenza illegale e minacce contro i civili tra il 27 febbraio e il 14 marzo 2022.

Guerra in Ucraina, Human Rights Watch dall’inizio del conflitto sta indagando sui crimini nelle aree controllate dalla Russia

“I casi che abbiamo documentato equivalgono a crudeltà indicibile e deliberata e violenza contro i civili ucraini”, ha dichiarato Hugh Williamson, direttore Europa e Asia centrale di Human Rights Watch. “Lo stupro, l’omicidio e altri atti violenti contro le persone sotto la custodia delle forze russe dovrebbero essere indagati come crimini di guerra”.

Il 4 marzo (nei primi giorni del conflitto) a Bucha le forze russe hanno radunato cinque uomini e giustiziato sommariamente uno di loro. Un testimone ha raccontato a Human Rights Watch che i soldati hanno costretto i cinque uomini a inginocchiarsi sul ciglio della strada, li hanno costretti a coprirsi la testa con le loro magliette e hanno sparato a uno di loro, alla nuca. “È caduto sulla strada – ha raccontato il testimone – e le donne hanno cominciato ad urlare. Un soldato mi ha detto “non preoccuparti. Siete tutti normali e questa è sporcizia. Siamo qui per purificarti dalla sporcizia”.

Le forze russe nel villaggio di Staryi Bykiv, nella regione di Chernihiv, hanno radunato almeno sei uomini il 27 febbraio e in seguito li hanno giustiziati. Lo racconta la madre di uno degli uomini che era nelle vicinanze quando suo figlio e un altro uomo sono stati arrestati e che ha visto i cadaveri di tutti e sei. Un uomo di 60 anni ha raccontato che il 4 marzo un soldato russo ha minacciato di giustiziare sommariamente lui e suo figlio a Zabuchchya, un villaggio a nord-ovest di Kiev, dopo aver perquisito la loro casa e aver trovato un fucile da caccia e benzina nel cortile sul retro.

Un altro soldato è intervenuto per impedire all’altro soldato di ucciderli. “Ci hanno riportato in casa e hanno ordinato a mio figlio di spogliarsi nudo perché hanno detto che volevano cercare tatuaggi nazionalisti”, racconta.

Il 6 marzo, i soldati russi nel villaggio di Vorzel, a circa 50 chilometri a nord-ovest di Kiev, hanno lanciato una granata fumogena in un seminterrato, poi hanno sparato a una donna e a un bambino di 14 anni mentre emergevano dal seminterrato, dove si erano rifugiati. Un testimone presente ha raccontato che la donna è morta qualche giorno dopo mentre suo figlio è morto all’istante.

Guerra in Ucraina, una donna ha raccontato di essere stata ripetutamente violentata a Kharkiv

Una donna ha raccontato invece di essere stata ripetutamente violentata in una scuola nella regione di Kharkiv dove lei e la sua famiglia si erano rifugiate il 13 marzo. Ha raccontato di essere stata picchiata e sfregiata sul collo e sul viso con un coltello: “Per tutto il tempo il soldato russo ha tenuto la pistola sulla mia tempia. Aveva 20 anni, mi ha detto che gli ricordavo una sua compagna di scuola”. Tutti i casi sono corredati di testimonianze, foto e riscontri e sono in un fascicolo per denuncia contro il diritto umanitario internazionale e leggi di guerra. Ed è soltanto una goccia dell’orrore.