Guerra in Ucraina, i russi avanzano verso Est

Guerra in Ucraina, Kadyrov: “Severdonetsk è sotto il nostro completo controllo, la città è stata liberata”.

L’avanzata delle truppe russe prosegue verso est, dove Mosca ha ormai preso il controllo di Lyman e, secondo il leader ceceno Ramzan Kadyrov, anche della città di Severdonetsk. Secondo l’ultimo aggiornamento dello Stato maggiore delle forze armate ucraine, l’esercito russo “ha effettuato operazioni di assalto nell’area della città di Severodonetsk” e “il combattimento continua” (qui tutti gli articoli sulla guerra in Ucraina).

Guerra in Ucraina, i russi avanzano verso Est

Guerra in Ucraina, Kadyrov: “Severdonetsk è sotto il nostro completo controllo, la città è stata liberata”

“Severdonetsk è sotto il nostro completo controllo, la città è stata liberata”, ha affermato il leader ceceno Kadyrov. “I residenti – ha aggiunto – possono stare tranquilli, d’ora in poi non saranno più in pericolo”.

Ieri Mosca ha annunciato di aver preso il controllo di Lyman, una città considerata strategica, anche perché è sede di un fondamentale “nodo ferroviario e dà anche accesso a importanti ponti ferroviari e stradali sul fiume Siverskyy Donets”, come spiegato dall’intelligence britannica.

Da Kiev, intanto, arriva un’altra accusa che riguarda gli ospedali della Crimea. “Il nemico continua a subire perdite”, afferma lo Stato maggiore ucraino. “Pertanto – aggiunge -, nel territorio temporaneamente occupato della Repubblica Autonoma di Crimea, l’amministrazione dell’occupazione ha ordinato di interrompere l’accettazione di civili per liberare i letti per i feriti”.

“La situazione è molto complicata”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo videomessaggio serale. “Soprattutto in quelle aree del Donbass e della regione di Kharkiv – ha continuato – dove l’esercito russo sta cercando di ottenere almeno qualche risultato”.

Zelensky: “La Russia deve essere riconosciuta come uno Stato terrorista”

“Le aree chiave di lotta al fronte sono ancora Severodonetsk, Lysychansk, Bakhmut, Popasna e altre città dove si concentra l’offensiva russa. Ma la nostra difesa resiste”, ha evidenziato Zelensky. “Più e più volte ricorderò al mondo – ha poi aggiunto Zelensky – che la Russia deve finalmente essere ufficialmente riconosciuta come uno Stato terrorista”.

Il presidente ucraino è tornato a parlare della fornitura di armi dai paesi partner. “Lavoriamo ogni giorno per rafforzare la nostra difesa”, ha detto Zelensky. “Molto dipende dai partner – ha sottolineato -, dalla loro prontezza nel fornire all’Ucraina tutto il necessario per difendere la libertà. E mi aspetto buone notizie su questo – ha aggiunto – già la prossima settimana”.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 10:05
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram