Guerra in Ucraina, nuovo appello della Farnesina agli italiani che si trovano ancora a Kiev. “Lasciate il Paese, anche in treno”. Draghi: “Raccomandiamo la massima cautela”

Guerra in Ucraina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ai connazionali ancora presenti nella capitale Ucraina e dintorni è raccomandato di utilizzare i mezzi tuttora disponibili, inclusi i treni, per lasciare Kiev, negli orari in cui non c’è il coprifuoco. Si raccomanda la massima cautela”. È quanto scrive la Farnesina in un aggiornamento sulla guerra in Ucraina sul sito Viaggiare Sicuri.

Guerra in Ucraina, Draghi: “La situazione potrebbe cambiare in conseguenza dell’andamento delle operazioni militari”

“Ai connazionali ancora presenti nella capitale ucraina e dintorni – ha detto anche il premier Mario Draghi in un passaggio delle comunicazioni rese all’Aula del Senato sulla guerra inUcraina – abbiamo raccomandato di utilizzare i mezzi tuttora disponibili, inclusi i treni, per lasciare la città, negli orari in cui non c’è il coprifuoco. In queste ore non vige il coprifuoco, ma la situazione potrebbe cambiare in conseguenza dell’andamento delle operazioni militari. Raccomandiamo la massima cautela”.

“Il personale dell’Ambasciata a Kiev – ha spiegato ancora Draghi – si è spostato dall’Ambasciata presso la Residenza dell’Ambasciatore insieme a un gruppo di connazionali, inclusi minori e neonati. In Residenza si sono concentrate 87 persone, di cui 72 dovrebbero partire oggi. Questa mattina la Farnesina e il ministro Di Maio hanno mandato un messaggio all’ambasciatore con cui queste persone, inclusi i neonati, dovrebbero trasferirsi a Leopoli”.

“Voglio ringraziare l’ambasciatore in Ucraina, Pier Francesco Zazo, il personale dell’Ambasciata per lo spirito di servizio – ha detto ancora Draghi -, la dedizione, il coraggio mostrati in questi giorni drammatici. L’Unità di Crisi mantiene regolari contatti telefonici con i nostri connazionali in Ucraina e con i rispettivi familiari in Italia. Voglio ringraziare anche il ministro Di Maio e i diplomatici della Farnesina per l’incessante lavoro a sostegno dei nostri cittadini”.