Guerra in Ucraina, Zelensky: “Mariupol è distrutta, ci sono decine di migliaia di morti. Ma nonostante ciò i russi non si fermano”

Guerra in Ucraina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Mariupol è stata distrutta, ci sono decine di migliaia di morti, ma nonostante ciò, i russi non fermano la loro offensiva”. È quanto ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel suo discorso al Parlamento sudcoreano (qui tutti gli articoli sulla guerra in Ucraina).

Guerra in Ucraina, Zelensky: “I russi concentrano militari e equipaggiamenti per cercare di sferrare nuovi attacchi”

“Gli occupanti hanno concentrato decine di migliaia di militari ed un’enorme quantità di equipaggiamento per cercare di sferrare nuovi attacchi” ha detto ancora Zelensky sottolineato di non essere in grado di fornire un numero esatto di vittime perché “la devastazione è ancora in corso nelle aree colpite”.

L’esercito ucraino, intanto, ha fatto sapere che si sta preparando a “un’ultima battaglia” nel porto di Mariupol. I combattimenti, secondo quanto ha riferito il rappresentante delle forze separatiste del Donetsks, Eduard Bassurin, si concentrano nella vasta zona industriale del gruppo siderurgico Azovstal e nel porto. Mosca avrebbe dispiegato le milizie del leader ceceno Ramzan Kadyrov per conquistare la città.

L’Esercito: “Oggi sarà probabilmente l’ultima battaglia poiché le nostre munizioni stanno finendo”

“Oggi sarà probabilmente l’ultima battaglia poiché le nostre munizioni stanno finendo. Sarà la morte per alcuni di noi e la prigionia per altri”, ha scritto su Facebook la 36a Brigata Marina separata intitolata al contrammiraglio Mikhail Bilinsky. “Stiamo lentamente scomparendo”, si legge nell’appello agli ucraini postato dall’esercito, “non sappiamo cosa accadrà, ma vi chiediamo davvero di ricordarci con una parola gentile”.

“Per più di un mese abbiamo combattuto senza rifornimenti di munizioni, senza cibo, senza acqua”, facendo “il possibile e l’impossibile”, riferiscono i militari. Durante oltre 40 giorni di intensi combattimenti, “il nemico gradualmente ci ha respinto, ci ha circondato e ora sta cercando di distruggerci”, spiega la Brigata, deplorando la mancanza di aiuto dal comando dell’esercito e dal presidente Volodymyr Zelensky. “Ci sono state solo promesse non mantenute”, denunciano i militari a Mariupol.