Ucciso il ministro delle Finanze dell’Isis. Ma vediamo chi era Hajji Imam: il numero due dell’Isis, ex insegnante di fisica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Haji Imam, il numero due dello Stato Islamico sarebbe stato ucciso in un raid aereo in Siria. A darne notizia il canale Nbc News. Si trattava di uno dei terroristi più ricercati dell’Isis e sulla sua testa pendeva una taglia di sette milioni di dollari. Mai una cifra così alta era stata offerta dalle autorità degli Stati Uniti d’America per assicurare alla giustizia un terrorista.

Abdul Rahman Mustafa al-Qaduli, questo era il nome di battaglia Abu Alaa al-Afri, che tra l’altro era conosciuto con lo pseudonimo di Hajji Imam, era ritenuto dal Pentagono anche il ‘ministro delle Finanze’ dello Stato Islamico. Aveva una sessantina d’anni, forse qualcosa meno, ed era nato alla periferia di Mosul. Prima di unirsi ad al-Qaeda nel 2004 faceva l’insegnante di fisica. Sotto la leadership di Abu Musab al-Zarqawi, sarebbe diventato prima vice comandante e poi leader dell’organizzazione a Mosul. Catturato e rilasciato in Iraq nel 2012, nello stesso anno si sarebbe unito all’Isis. Si ritiene fosse lui il predestino a prendere in futuro il posto del Califfo al Baghadadi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA