Hanno ucciso l’Unità

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Addio all’Unità. Un pezzo di storia del giornalismo italiano se ne va per sempre. E nel modo peggiore aggiungiamo noi, nella totale indifferenza di chi avrebbe potuto fare qualcosa e non è intervenuto. La fine delle pubblicazione è previsto per il 1 Agosto, come annuncia un comunicato del comitato di redazione del quotidiano fondato da Antonio Gramsci, che per mezzo secolo è stato la voce del Partito Comunista. “Fine della corsa. Dopo tre mesi di lotta, ci sono riusciti: hanno ucciso l’Unità – si legge nella nota- I lavoratori sono rimasti soli a difendere una testata storica. Gli azionisti non hanno trovato l’intesa su diverse ipotesi che avrebbero comunque salvato il giornale. Un fatto di gravità inaudita, che mette a rischio un’ottantina di posti di lavoro in un momento di grave crisi dell’editoria. I lavoratori agiranno in tutte le sedi per difendere i propri diritti – spiega ancora il comunicato-. Al tempo stesso, con la rabbia e il dolore che oggi sentiamo, diciamo che questa storia non finisce qui. Avevamo chiesto senso di responsabilità e trasparenza a tutti i soggetti, imprenditoriali e politici. Abbiamo ricevuto irresponsabilità e opacità. Questo lo grideremo con tutta la nostra forza. Oggi è un giorno di lutto per la comunità dell’Unità, per i militanti delle feste, per i nostri lettori, per la democrazia. Noi continueremo a combattere guardandoci anche dal fuoco amico”.