I 5 Stelle cambiano verso. Ora vogliono l’antidemocratico Italicum anche al Senato per vincere facile

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Italicum conviene, tanto vale tenerselo. Il Movimento 5 Stelle ha così cambiato verso sulla legge elettorale voluta da Renzi e contestata in ogni modo dai pentastellati fino a qualche settimana fa. “Noi siamo disposti a perdere pur di far vincere una buona legge elettorale”, aveva detto il deputato Danilo Toninelli. Ancora più duro il giudizio di Luigi Di Maio: “È l’ennesima opera inutile, incompiuta e fatta male. Come l’Expo e il Mose”, e quello di Alessandro Di Battista: “È una legge pericolosa”. E ancora “l’Italicum va cancellato tout court in quanto non è una legge migliorabile perché è antidemocratica e incostituzionale”, sostenevano i grillini.

Ma ora, proprio Toninelli ha cambiato idea. “Con il voto referendario gli italiani hanno espresso un chiaro segnale politico: la volontà di andare il prima possibile al voto. L’unico problema è la legge elettorale, che i partiti per tre anni hanno usato come merce di scambio delle loro trattative alle spalle dei cittadini. Ora ci troviamo con due leggi elettorali tra Camera e Senato molto diverse. Alla Camera è l’Italicum. La nostra soluzione è applicare la stessa legge al Senato su base regionale”, si legge in un post scritto da Toninelli e dal senatore Vito Crimi.

“È sufficiente aggiungere alcune righe di testo alla legge attuale per farlo e portarla in Parlamento per l’approvazione. Stiamo lavorando alla bozza che presenteremo in questi giorni. La legge recepirà in automatico le indicazioni della Consulta che si pronuncerà a breve. Dopo di che avremo una legge elettorale costituzionale pronta all’uso evitando mesi di discussioni e mercato delle vacche dei partiti. La nostra soluzione e l’azione di controllo della consulta garantiscono l’approvazione di una legge costituzionale e al di sopra delle parti. I partiti farebbero solamente una legge peggiore per i cittadini e Anticinquestellum“, aggiungono i due parlamentari grillini.