I dipinti di Van Gogh nelle mani della camorra. Ritrovate due opere di inestimabile valore. Erano state trafugate nel 2002 ad Amsterdam

dalla Redazione
Cronaca

Ritrovati in Campania due dipinti di Vincent Van Gogh rubati al museo di Amsterdam ben quattordici anni fa. Decisive le indagini condotte dalla Direzione Distrettuale Antimafia, che ha eseguito un sequestro patrimoniale per diverse decine di milioni di euro nei confronti di un’associazione camorristica dedita al traffico internazionale di cocaina. Le opere che erano state trafugate sono “La Spiaggia di Scheveningen”, del 1882, e la “Chiesa di Nuenen”, del 1884. Le prime indiscrezioni parlano di un ritrovamento a Castellammare di Stabia.  I due quadri del celebre pittore olandese erano stati rubati il 7 dicembre 2002 al Van Gogh Museuum di Amsterdam insieme ad altri dipinti. Alcuni componenti della banda, ritenuta responsabile del furto, erano stati arrestati circa un anno dopo, ma la refurtiva non era stata recuperata. Si tratta dello stesso filone d’indagine che nello scorso mese di gennaio ha portato all’arresto dei vertici degli scissionisti di Scampia e alcuni insospettabili, tra cui Raffaele Imperiale, che gestivano l’importazione della droga direttamente dal centro America. In quell’occasione furono sequestrati beni immobili per il valore di oltre 10 milioni, ma già all’epoca gli inquirenti sottolinearono che si trattava solo di una piccola parte dei beni nella disponibilità del clan.