I fondi per le auto elettriche? Restano nel cassetto. Dei 50 milioni di euro messi a disposizione risulta speso meno di un decimo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Uno stanziamento di 50 milioni di euro per i punti ricarica delle auto elettriche. Ma, conti alla mano, sono state attivate convenzioni per 4 milioni e mezzo. Meno di un decimo. Il motivo? La scarsa attenzione degli enti locali, a partire dalle Regioni, su questo fronte. Ma la colpa non è solo delle amministrazioni regionali. Il problema principale è la burocrazia che rallenta qualsiasi entusiasmo in questa direzione. Insomma, i soldi sono stati messi sul piatto dal Governo, ma per ottenerli bisogna seguire strade troppo tortuose. In questo contesto di freni e lungaggini, i privati non colgono uno spazio per investire sul settore. Quindi non spingono.

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, guidato da Graziano Delrio, ha ammesso i ritardi e le lentezze burocratiche: “Bisogna recuperare la capacità di impegnare tutte le risorse stanziate, ponendo in essere ogni iniziativa per realizzare l’obiettivo, anche semplificando le procedure”, si legge nella risposta all’interrogazione depositata da Ermete Realacci, Commissione Ambiente e Lavori Pubblici della Camera. Un gap tecnologico, che si riverbera sull’emergenza inquinamento. “Promuovere l’uso di veicoli elettrici è strategico per ridurre le emissioni inquinanti”, ha evidenziato Realacci. “Lo scarso utilizzo dei mezzi elettrici in Italia è  dovuto anche all’inadeguatezza dell’infrastruttura di ricarica”, aggiunge il deputato dem. Il censimento ministeriale parla infatti di una situazione critica: ci  sono 1700 punti di ricarica pubblici lento/fast, a cui se ne dovrebbero aggiungere solo 700 nel 2017.

Twitter: @SteI

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA