I furbetti del cartellino colpiscono ancora. Timbravano il cartellino e poi lasciavano l’ufficio. Nel mirino 24 dipendenti del Comune di Oppido Mamertina

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non c’è niente da fare. Sarà l’estate, sarà il caldo ma ai dipendenti pubblici proprio non va di lavorare. Siamo a Oppido Mamertina, in provincia di Reggio Calabria. Timbravano il cartellino e poi, semplicemente, non lavoravano e lasciavano l’ufficio. Ma ora i ventiquattro dipendenti del Comune di Oppido Mamertina – ma residenti anche a Taurianova, Varapodio, Palmi e Terranova Sappo Minulio – sono finiti sotto indagine per concorso in false attestazioni, con modalità fraudolenta, della presenza in servizio e truffa aggravata e continuata in danno di Ente Pubblico.

I 24 sono tutti dipendenti del Comune di Oppido Mamertina: quattro di loro sono finiti ai domiciliari, mentre per gli altri 20 la misura disposta è l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Dalle indagini sarebbe emersa la piena responsabilità di tutti gli indagati, i quali attestavano falsamente la presenza in servizio e poi, violando i doveri inerenti alla loro qualità di dipendenti del Comune, omettevano di prestare servizio e facevano risultare fittiziamente la loro presenza in ufficio.