I genitori di Giulio Regeni incontrano Di Maio. Il papà del ricercatore torturato e ucciso in Egitto: “Speriamo in un cambio di passo anche nei confronti della controparte egiziana”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

E’ arrivato il momento di cambiare “passo e atteggiamento” perché lo stallo con l’Egitto sull’omicidio di Giulio Regeni, il ricercato friulano sequestrato, torturato e ucciso al Cairo nel febbraio 2016, “non è più tollerabile”. E’ questo il messaggio che il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha riferito ricevendo alla Farnesina i genitori di Regeni. Di Maio ha confermato che da parte dell’Italia ci sarà il massimo impegno per riuscire a fare giustizia e conoscere tutta la verità sulla morte di Giulio.

“E’ stato un incontro molto importante. Speriamo in un cambio di passo – ha commentato Claudio Regeni dopo l’incontro con il ministro degli Esteri – anche nei confronti della controparte egiziana”. In mattina i genitori del giovane ricercatore hanno incontrato anche il procuratore vicario di Roma, Michele Prestipino e il pm Sergio Colaiocco, per fare il punto con gli inquirenti sullo stato dell’indagine che chiama in causa, per concorso in sequestro di persona, cinque ufficiali appartenenti al Dipartimento Sicurezza nazionale e all’Ufficio dell’investigazione giudiziaria del Cairo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA