I giornaloni e il buco delle notizie

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Nasce il polo editoriale di Repubblica e La Stampa. Una scelta obbligata dalla crisi dei giornali, che da tempo non lascia scelta alle concentrazioni e al taglio dei costi. Chi produce i quotidiani deve affrontare le spese già insostenibili quando si vendevano montagne di copie e la pubblicità pagava milioni. Oggi invece si vende poco e internet compensa solo in minima parte i ricavi perduti. Gli editori insomma vendono carrozze nell’epoca delle astronavi. Se però la fusione tra i gruppi di De Benedetti (Repubblica) e Fiat (La Stampa con annesso Il Secolo XIX di Genova) è perciò una buona notizia per la sopravvivenza delle aziende nel lungo periodo, non è altrettanto una buona notizia sul piano del pluralismo dell’informazione. Pochi grandi giornali, per altro in mano a editori impuri, più interessati ai rapporti col Governo e l’establishment finanziario che ai lettori, sono una minore garanzia per la circolazione di tutte le notizie. E di conseguenza per la stessa democrazia. I piccoli editori indipendenti, come nel caso di questo giornale, sono così più che mai preziosi. Ma anche fragilissimi di fronte a giganti tanto potenti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA