I tabaccai riscuotono le tasse. C’è il via libera del Tesoro. Accelera la cessione di Serti Spa alla Fit. Nascerà il maggiore concorrente di Equitalia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le tasse? In futuro potremo pagarle da tabaccaio sotto casa. Non sarà domani, ma c’è anche questo scenario dietro quella che si annuncia come una delle più importanti operazioni finanziarie mai realizzate nel settore della riscossione. Avviata da qualche tempo, negli ultimi giorni l’operazione ha avuto una decisa accelerazione. A muovere le fila è una società veicolo – Arianna 2001 Spa – utilizzata dalla Fit, la potente federazione nazionale dei tabaccai. Il 26 maggio scorso Arianna 2001 ha ottenuto dal Ministero dell’Economia il via libera ad acquistare l’intera partecipazione azionaria di Serti Spa, società che nel gennaio 2014 ha acquistato il ramo d’azienda di Tributi Italia relativo all’attività di riscossione dei tributi locali. Serti, rappresentata dall’avvocato Giampaolo Petrillo, è oggi uno dei maggiori concorrenti di Equitalia. Il closing dell’operazione sarebbe imminente.

LA RETE DI INTERESSI
La Notizia ha chiesto conferme ai diretti interessati, ma né Fit né Serti hanno voluto commentare l’operazione e il costo. A quanto pare però la Federazione dei tabaccai avrebbe strappato un ottimo prezzo e l’esborso sarebbe più che sostenibile per l’organizzazione guidata da Giovanni Risso. Fit infatti controlla una serie di società molto solide. Attività dove ricorrere della presenza del direttore generale Stefano Bartoli. Proprio quest’ultimo figura infatti in ben nove Consigli di amministrazione, con in testa quello della ricchissima Banca Itb Spa, l’istituto che gestisce in tutta Italia per conto dei monopoli le ricche lotterie del Gratta e Vinci. Gli incarichi di Bartoli però spaziano in altre direzioni. Consigliere e amministratore delegato di Press & Image 2001, consigliere del Confidi Fit, consigliere di Twin Broker Srl, consigliere di Terzia Spa, direttore generale di Servizi in rete Srl, direttore generale e amministratore delegato di Tnet Srl, amministratore unico di 4B4U Srl e consigliere e amministratore delegato di Arianna 2001. Proprio quest’ultima è la società che acquisterebbe il concessionario della riscossione Serti Spa.

IL VEICOLO SOCIETARIO
Ma cosa ha fatto fin ora questa Arianna 2001? Nello statuto compare l’elaborazione e la gestione di servizi per i tabaccai anche mediante reti telematiche. E ancora, l’assistenza, la formazione professionale e la consulenza amministrativa per gli associati. Insieme a tutto questo, la stessa società dei tabaccai svolge anche il ruolo di centro elaborazione dati (intermediario abilitato) autorizzato alla trasmissione telematica verso l’Agenzia delle Entrate di F24, mod. 730 e 770. Con un capitale di 5 milioni, i soci di quello che si annuncia come uno dei più importanti concessionari per la riscossione dei tributi locali sono per il 91,5% Esperia Trust company Srl, di cui la Fit ha l’usufrutto, e per l’8,5% la Press & Image 2001 Spa, altra società della stessa Federazione, di cui sempre Bartoli è amministratore delegato.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA