I tagli alla Sanità sono un oltraggio all’umanità

Il monito di Papa Francesco: "Il sistema sanitario sia sostenuto e promosso perché continui a essere gratuito"

“Farsi prossimi significa anche abbattere le distanze, fare in modo che non ci siano malati di ‘serie A’ e di ‘serie B’, mettere in circolo le energie e le risorse perché nessuno sia escluso dall’assistenza socio-sanitaria”. È quanto ha detto oggi Papa Francesco ricevendo in udienza i dirigenti della Confederazione Federsanità.

CELEBRAZIONE DELLA MESSA DI PAPA FRANCESCO  ALL'UNIVERSITA' CATTOLICA

Il monito del Papa: “Il sistema sanitario sia sostenuto e promosso perché continui a essere gratuito”

“Quando un Paese perde questa ricchezza che è la sanità pubblica – ha detto ancora il Bergoglio -, incomincia a fare distinzioni tra la popolazione, coloro che hanno accesso, che possono avere sanità, a pagamento, e coloro che sono senza servizio sanitario. Per questo è una ricchezza vostra, qui in Italia, la sanità pubblica: non perderla, per favore, non perderla”.

“In una società che rischia di vedere i malati come un peso – ha aggiunto il Pontefice -, un costo, occorre rimettere al centro ciò che non ha prezzo, non si compra e non si vende, cioè la dignità della persona”.

“Le patologie possono segnare il corpo, confondere i pensieri, togliere le forze, ma non potranno mai annullare il valore della vita umana, che va tutelata sempre, dal concepimento alla fine naturale. Auspico che la ricerca e le varie professioni sanitarie abbiano sempre questo orizzonte” ha sottolineato il Santo Padre.

Infine, da Papa Francesco arriva un monito: “Occorre invece lavorare perché tutti abbiano accesso alle cure, perché il sistema sanitario sia sostenuto e promosso, e perché continui a essere gratuito. Tagliare le risorse per la sanità è un oltraggio all’umanità”.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram