I tentacoli della ‘ndrangheta nel cuore d’Italia. Infiltrazioni in Umbria: 61 arresti e 30 milioni sequestrati. Collegamenti con le cosche calabresi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I tentacoli della ‘ndrangheta avevano messo piede anche negli affari umbri. Sessantuno arresti a partire dalle prime luci dell’alba tra la provincia di Perugia e altri parti d’Italia.  I Carabinieri stanno eseguendo, le 61 misure cautelari, emesse su richiesta della procura distrettuale antimafia di Perugia, per associazione di tipo mafioso, estorsione, usura, danneggiamento, bancarotta fraudolenta, truffa, trasferimento fraudolento di valori, con l’aggravante delle finalità mafiose, nonché per associazione finalizzata al traffico di stupefacenti e sfruttamento della prostituzione. L’organizzazione ‘ndranghetistica aveva messo le basi nell’economia locale ma aveva strettissimi collegamenti con le cosche calabresi di origine. Arresti anche a Reggio Calabria: nel mirino la cosca Tegano. I Carabinieri hanno documentato con una vasta attività di indagine le modalità mafiose, con minacce ed estorsioni, soprattutto nel settore edile. Oltre agli arresti sequestri del valore di oltre 30 milioni di euro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA